«A politician, you know the ethics those guys have. It's like a notch underneath child molester» (Woody Allen)
Campo nomadi a Rho
AndreaR ha scritto a OneMoreBlog:
Caro Alberto e cari lettori, come dobbiamo leggere un risultato come quello del referendum sul campo nomadi che è stato tenuto ieri a Rho? Il referendum era stato indetto dalla Lega Nord contro la proposta del municipio di costruire delle case per dei nomadi ormai stanziali che risiedono sul territorio del comune di Rho.
Al referendum ha partecipato il 40% degli aventi diritto e perciò`non ha raggiunto il quorum. Il 90% dei votanti si è espresso contro il campo.
Io sono andato a votare e ho votato a favore, perché credo che ai referendum bisogni votare sempre. Io sono contro l'idea del quorum. Decide che vota. Punto.
Adesso io mi chiedo dove erano ieri gli elettori del centrosinistra che governa a Rho. Ieri abbiamo purtroppo misurato la pochezza dell'elettorato di sinistra di Rho. Far fallire un referendum per mancato quorum è uno dei punti più bassi della democrazia.
Ma il mio potrebbe essere un atteggiamento donchisciottesco, forse inutile pe combattere contro questa destra populista e piena di livore.
12.09.05 10:27 - sezione parliamone!
il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
.mau. ha scritto:

Io sono sempre andato a votare, però vorrei dire che non è così immediato dire "aboliamo del tutto il quorum". Si corre il rischio che una minoranza davvero piccola decida per tutti. Probabilmente un quorum del 25% sarebbe corretto...
Per quanto riguarda quel referendum, credo che ci sia stato un effetto NIMBY. Ha votato chi si troverà il campo nomadi vicino, gli altri se ne sono strafregati.... tutto qua.

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Fabrizio ha scritto:

Di quorum se n'è parlato tanto dopo i referendum del giugno scorso.
In linea di principio, sono d'accordo sull'abolirlo o quanto meno definirlo in altri termini.
Se viceversa, si vuole una lettura politica di questo caso di Rho, il fallimento del referendum è stata una soluzione che non scontenta nessuno. Provo a spiegare il perché:
Il cs ha vinto a Rho, con un programma che prevedeva la costruzione di case per i Rom che risiedono lì da decenni. Inoltre il referendum poteva essere solo consultivo, o altrimenti era in contrasto sulla legge Mancino. La Lega cercava solo una rivincita elettorale e non l'ha ottenuta.
Dal punto di vista pratico, il "problema" vero per i residenti potrebbero essere i Rom di arrivo + recente. E sempre dal punto di vista pratico, se questi vengono cacciati da un posto, vanno ad accamparsi poco distante, senza nessuno stimolo ad integrarsi. Quindi, la Lega ha promosso un referendum, sapendo che glistessi leghisti che abitano distanti dall'insediamento, avevano tutto l'interesse a sabotare il risultato della consultazione.
In ogni caso, se il referendum avesse avuto possibilità decisionale, a breve ci sarebbe stato una rivolta nei comuni limitrofi,e chissà quanti altri referendum.
In ogni caso, soprattutto dopo lo sgombero di via Capo Rizzuto, la gestione delle presenze nomadi nel Nord Ovest Milano non può essere lasciata ai singoli comuni o a referendum elettorali
(scusate la lunghezza)

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Calderoli for president ha scritto:

Già il fatto che il 90% dei votanti si sia espresso contro il campo dice tutto.
Menatela come volete, sulla loro pseudo-cultura e cazzi vari, ma i rom dove vanno creano disordini sociali e basta, lo prova la quotidianità e la simpatia generale che ha la gente verso di loro. Qua vi arrampicate su tutti gli specchi possibili pur di non voler ammettere la verità e cioè che sono dei parassiti (l'ho già spiegato abbondantemente questo).
I cittadini di Rho avrebbero un'altra zavorra sulla schiena, perchè come al solito dovrebbero lavorare (termine sconosciuto ai compagni) per pagare tutte le spese del campo nomadi e verrebbero sicuramente ricambiati con tanta delinquenza, ci scommetto quel che volete. Chi ha vissuto i molti disagi di vivere in una periferia con la ciliegina sulla torta del campo di bingo bonghi sa benissimo di cosa parlo. Gli zingari portano SOLO ED ESCLUSIVAMENTE nocività.
Io se non pago acqua, luce e gas mi tagliano i fili, non arrivano le buone sinistre a dire che poverino ho una mia cultura che lo prevede.
Se perdo il posto di lavoro non campo di sussidi vitalizi, qualche mese in cassa integrazione e poi se non trovo chi mi ospita vado a fare il barbone. E figuratevi se affermassi che non lavoro per cultura e pretendo la pappa in bocca, cosa mi direbbe (giustamente) una persona sana di mente. Tanto orami in Italia siamo alla frutta, se gli extra vivrebbero tutti in villoni i compagni protesterebbero perchè solo 9 su 10 hanno la piscina, ci scommetto.

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
AndreaR ha scritto:

Sono d'accordo con Fabrizio che la soluzione del problema non va delegata al singolo comune. Proprio a questo proposito mi sembra che si stia realizzando uno scollamento completo tra lo Stato e le amministrazioni locali, e mi pare di capire che tra i massimi responsabili di questo disastro trovaimo proprio la Lega. Il partito di Bossi (è ancora di Bossi?) dice di richiamarsi al modello elvetico, ma a me non sembra proprio. Il federalismo svizzero, basato sui tre livelli comune/cantone/confederazione, ha un approccio molto più strutturato e funzionale per l'integrazione dei ROM.
Una voce differente su ROM e Svizzera la potete ascoltare qui. La mia opinione è che sia comunque meglio garantire un accesso regolato all'immigrazione, in modo anche da favorire l'integrazione. Per questo motivo ho votato un si convinto all'iniziativa del comune di Rho, che mi sembra un passo nella direzione giusta.

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Fabrizio ha scritto:

C'è un punto che vorrei richiamare all'attenzione del civilissimo Calderoli for president: proprio a Milano, nonostante la Lega governi da 15 anni, il numero dei Rom non diminuisce.
Quindi, aspettando che ti passi l'incazzatura, provo a ragionare io, come se fossi un tranquillissimo e innocuo conservatore.
Perché, nonostante la Bossi-Fini, in via Capo Rizzuto i carabinieri non sono riusciti ad espellere tutti i Rom? La risposta (con calma) la trovi qui. Ora, metti caso che la Caritas (non i compagni o quei rossi che stanno in provincia) non ci avesse messo una pezza, non correresti il rischio di trovarteli sotto caso, + disperati che mai e non per colpa loro?
OK, parliamo di lavoro, rientri per caso tra quei disperati che fan loro concorrenza?
Ignoro se tu li abbia o meno come vicini di casa e da quanto, credo che se proprio vuoi sfogarti (ogni tanto fa bene), vale la pena prendersela con quei piccoli Calderoli che ti hanno coinvolto nel loro giocare a scaricabarile. Magari, non sono solo amministratori leghisti, ma anche quei sinistrorsi che di fronte alle proteste come le tue, se la fanno sotto e votano per lo sgombero. Tanto, che tu gridi o meno, a loro interessa di non avere TE sottocasa.
Sastipé, but, baxt savorrenge (Salute, lavoro e fortuna a tutti)

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Calderoli for president ha scritto:

Perchè non si possono espellere i rom? Perchè molti di loro vivono sul suolo nazionale da generazioni, se non la maggior parte. Lo sapevo anche prima di leggere la pagina del sito che mi hai linkato, avendone conosciuti decine di persona. Inutile dire che gli stranieri sono sfruttati o sottopagati, se i compagni facessero un giro per gli altoforni o per i cantieri e vedrebbero quanti diritti hanno gli operai italiani rimarrebbero a bocca aperta.
Il punto è che fino ad ora nessuno (e non mi stupisco) è stato in grado di rispondermi punto per punto a quello che ho postato.
Inutile dare del nazista a tutti, nella quasi totalità dei paesi occidentali ci sono leggi stile Bossi-Fini (ma lì a differenza di questo paese le applicano) e nessuno grida alla persecuzione hitleriana.
La visuale romantica e datata del rom con l'organetto, mite e viaggiante la considero alla stregua di chi guardando Marlon Brando crede che veramente la mafia abbia un codice d'onore e non tocchi innocenti e boiate simili. Guardiamo la situazione odierna per favore. Non tappiamoci gli occhi sempre e comunque per partito preso.

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Fabrizio ha scritto:

Avanzo una personale ipotesi sul perché nessuno ti risponda: hai letto quello che c'è scritto sotto? Per favore, NON inviare commenti off-topic Sono sicuro (sai, certi cognomi sono una garanzia) di no. Allora, non far finta di aver letto quei link. E (commento off-topic) rassegnati, perché nessuno ti ha dato del nazista e un po' bingo bongo lo sei davvero (!) se ancora non hai capito che nessun referendum o nessuna Bossi-Fini possono risolvere il tuo problema.
Comunque, grazie ancora, è la retorica come la tua che fa apparire i Rom persone civili e ragionevoli (e fa andare in bianco certi referendum).
PS: Alberto, scusa l'invadenza... non volevo abusare della tua ospitalità

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
alberto ha scritto:

Fabrizio, sei benvenuto sempre e comunque.
E visto che ce l'hai insegnato, ricambio l'augurio: Sastipé, but, baxt. Dopodiché metto sul CD un disco di Tchavolo Schmitt per rifarmi la bocca dopo la lettura delle calderolate ;-)

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
sensi ha scritto:

nel "contenitore spazzatura" vanno soltanto i post piu' raffinati o anche i nicknames? "calderoli for president" ad esempio...

il 12 Settembre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Italico ha scritto:

Direi che l'assistenzialismo infinito e ingiustificato ai rom può anche finire.
Di fatto (purtroppo) devo dar ragione ad un leghista questa volta.
Basta dai non ne può più nessuno di questa situazione, fatevene una ragione rapida!

il 09 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
sandro ha scritto:

Ancora si parla di abolire il quorum? Perchè volete essere così antidemocratici? L'astensione è la manifestazione del dissenso dal quesito referendario .
In quello nazionale 500miila hanno chiesto il referendum per abolire i limiti alla procreazione; 20 milioni; gli astenuti; hanno risposto che non lo volevano, volete forse abolire il quorum e far vincere la minoranza?

Il Referendum dii Rho: non vogliamo i nomadi perchè sono brutti sporchi e cattivi, lo ha proposto la lega.

Lasciamo da parte il referendum e vediamo chi lo propone:

Un uomo anni fa gridava nelle piazze "padani noi lavoriamo e a Roma ci rubano il frutto del nostro lavoro" e adesso quel signore è a Roma tra quelli che "prima" rubavano.

Sveglia ragazzi!


il 09 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Italico ha scritto:

Lasciando stare i padani e simili, capisco pienamente chi non vuole i nomadi sotto casa. Ieri parlavo con una mia vicina di casa.
Vive da sola con un figlio minorenne ed è impiegata e il marito se ne sbatte di passarle gli alimenti. Deve pagarsi tutte le spese della situazione (acqua, luce e gas) e lo stato le dà un pidocchioso assegno familiare di 30 euro circa. Una zingara essendo "nullatenente" prende più di 10 volte tanto la cifra indicata e ci metto mano sul fuoco che non paghi tasse o bollette. I nomadi sono tutelati e protetti ad un livello incredibile e ci ricambiano creando disordini sociali continui. Adesso dite pure che parlo per luoghi comuni (peccato che ne abbia conosciuti a decine di rom), che non è vero, che sono un nazifascista........ma sapete benissimo anche voi che ho detto cose riscontrabilissime.
Quindi non stupitevi se la gente non ha voglia di trovarsi sotto casa personaggi simili.

il 24 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Fabrizio ha scritto:

Spett. Italico
se ti danno del nazifascista, dipende solo da come ti esprimi.
In questo caso però, si parla d'altro. I Rom, come qualsiasi popolo, possono essere di destra o di sinistra, e hanno sempre avuto problemi con gli uni e gli altri.
Il razzismo invece è una cosa diversa: ad esempio un razzismo molto democratico è dar la colpa ai nomadi se una famiglia separata prende dallo stato 30 euro.
Ultimo breve appunto: se i nomadi "in quanto tali" creano disordini continui, il comune di Rho col suo progetto avrebbe iniziato a renderli stanziali. Se fosse passato il referendum, quei Rom avrebbero reiniziato (controvoglia) ad essere nomadi per necessità. Credo che in italiano si usi la parola "sfollati".

il 24 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Italico ha scritto:

Sì, se lo stato dà assegni familiari micragnosi alle famiglie normali ed elargisce generosi e vitalizi sussidi ai nomadi e la colpa la dò tutta quanta appunto allo stato.
Ma proprio oggi un auto di alcuni di essi che conosco di vista mi è sfrecciata accanto. Bmw, per la precisione (liberi di non credermi, ma sapete che non è un evento raro).
Il punto è questo: sappiamo che loro per "cultura" non lavorano. Essendo ufficialmente nullatenenti (bmw e mercedes però costano, così come oro e altri beni di lusso che non servono a mangiare) non pagano tasse nè bollette nè quant'altro. Percepiscono sussidi non indifferenti e continui e se il tot mese non sono riusciti a organizzare un loro "colpo" mandano a battere anche mogli e sorelle talvolta (leggasi le recenti cronache dei giornali, successe a Brescia e il vergognoso episodio di Verona). Con tutte queste belle entrate ci credo che uno può stare tutto il giorno a ubriacarsi nei pochi bar che lo fanno entrare perchè in ogni caso, finiti i sussidi e la fantasia delinquenziale, ci sono sempre altri mille mezzi: i centri sociali e la caritas che ti difendono e aiutano, le suorine che se gli porti il bambino con te a elemosinare non ti diranno mai di no (altra cosa che mi disgusta, lo sfruttamento dei minori) senza contare i buoni spesa del comune. Quindi, colpa o meno dello stato, non mi si dica che i nomadi hanno pochi diritti, perchè di doveri non ne hanno nemmeno mezzo. Solo questo, abbiate il buon gusto di non dirlo.

il 24 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
tonii ha scritto:

a' ita':
50 anni fa gli italiani lasciarono i rom ai tedeschi che li gasarono e bruciarono.

le camice nere e compagnia cantante facevano i rastrellamenti, ricordi?, assieme alle ss.

se ci fosse un minimo di giustizia
a quest'ora si dovrebbe permettere a tutti i rom di rubare in tutte le case degli appartenenti o votanti an e senza subire alcuna accusa. anzi: bisognerebbe anche pagarli e chiedere loro scusa per il troppo poco che prendono.

e prima di parlare da un pulpito fascista di zingari bisognerebbe prima chiedere loro il permesso, poi baciar loro le scarpe e poi stare zitti.

il 24 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Italico ha scritto:

Ma certo, com'è giusto che i tedeschi attuali, che non so cosa abbiano a che fare col nazismo paghino miliardi di dollari come indennizzo (che paradossalmente aumentano ogni anno) allo stato di Israele che fa più o meno lo stesso.
Tonii, nel cestino non ci finisci e sappiamo tutti e due perchè, inutile aggiungere altro.
Siccome non puoi negare che la comunità Rom è tutelata ad un livello ridicolo, vieni fuori con una teoria che nemmeno un Sgarbi sotto Peyote pronuncerebbe. Ma ci sei o ci fai?

il 24 Ottobre 2005 (quando OMB accettava i commenti)
Fabrizio ha scritto:

Italico sempr'allerta et casinista (è un'emozione scrivere a chi pare uscito da una striscia di Bonvi), anche a me proprio ieri m'ha fatto il pelo un bmw, mica era un Rom a guidarla (libero di non credermi, ma sbaglio o fai apposta a far confusione?)

Altrove: A - rivista anarchica | Accordo | Anticatechismo | Chan Hon Chung | Ciclistica | Il Deposito | Don Zauker
Gruhn Guitars | Giordano Bruno | Libertaria | Movimentofisso | Brian Setzer | Shel Shapiro | UAAR | Il Vernacoliere