Matteo salvini non è un genio né un grande comunicatore

“Un politico che esprime, senza mai riuscire a “staccare”, disprezzo e disgusto anche quando cerca di sorridere, i cui gesti sono tutti – proprio in senso stretto – *respingenti* ed è palesemente bloccato sul piano dell’empatia, *sa fare una cosa sola* e non è adatto a ogni fase. Essere consci di questo può aiutare a non sopravvalutarlo. NON è un «grande comunicatore», è un miracolato, e il suo linguaggio del corpo fa capire che non se ne rende nemmeno conto.”

Leggi tutto “Matteo salvini non è un genio né un grande comunicatore”

Kushner parla di pace durante il tiro al bersaglio di Gaza

While the clashes (NdR: le proteste per il Land Day) were taking place, senior members of the American and Israeli governments were celebrating the opening of the new U.S. Embassy in Jerusalem. In the absence of Donald Trump, the U.S. delegation was led, banana-republic style, by his daughter Ivanka and son-in-law, Jared Kushner. During the ceremony, they were seated next to Benjamin Netanyahu, the Prime Minister of Israel, who is a long-standing friend of the Kushner family.

Leggi tutto “Kushner parla di pace durante il tiro al bersaglio di Gaza”

Israele cade nel doppio tranello di Hamas e Trump

“Per quanto sia scontato che Hamas abbia organizzato e infiammato i dimostranti, armati di fionde e sassi ma capaci in alcuni punti di superare il confine, risulta difficile accettare la risposta israeliana: la rete è stata attraversata da idranti, gas lacrimogeni e proiettili di gomma, ma anche da proiettili veri che inevitabilmente hanno ucciso e ferito.” Leggi tutto “Israele cade nel doppio tranello di Hamas e Trump”

Prima di votare per un imbecille cercate di capirci qualcosa

“I vostri dati personali non contano un santissimo cazzo. Voi non contate un cazzo. Non avete nulla da proteggere, e dovreste preoccuparvi di una sola cosa: informarvi, studiare, cercare di capire qualcosa prima di scegliere se votare per un imbecille. Solo questo.”

Leggi tutto “Prima di votare per un imbecille cercate di capirci qualcosa”

Abbiamo eletto un Parlamento non un premier o un governo

“Perché, visti i numeri e le percentuali esatte, tutto viene raccontato come se solo Salvini e Di Maio siano oggi i padroni del vapore? Una risposta forse c’è: perché nella comunicazione mediatica, nelle espressioni e nelle immagini che hanno impressionato il senso comune in questa campagna elettorale, ciò che ha fatto presa sono state 3 parole: Salvini, Di Maio, 5 Stelle. La “testa” è stata lasciata a riposo e con questa restano fuori i bisogni reali delle persone, la solitudine che le segna, la frantumazione individualistica della società, la perdita di ogni “credenza” nelle Istituzioni.”
Leggi tutto “Abbiamo eletto un Parlamento non un premier o un governo”

La cosa renziana: l’unica ragione sarebbero i quattrini

Secondo Radio Popolare “la cosa renziana” starebbe per nascere: “Il piano di Matteo Renzi per uscire dal Pd e fondare un nuovo movimento trova riscontri anche a Milano. Nei prossimi giorni si terrà nel capoluogo lombardo una riunione di sostenitori del disegno, che attualmente è una delle ipotesi attorno a cui l’ex segretario sta lavorando per il proprio futuro politico.”  

Leggi tutto “La cosa renziana: l’unica ragione sarebbero i quattrini”

Partito Democratico: come reagire alla sconfitta di marzo 2018

Anche il 20% dato dagli ultimi sondaggi pre-elettorali al Partito Democratico è stato sfondato verso il basso negli ultimi giorni e le elezioni 2018 sono state un chock annunciato su cui ci sarebbe tanto da dire. Gli allenatori della nazionale trasformati pro tempore in politologi sono però così tanti che ci manca solo che mi ci metta anche io. Dunque come unico commento condivido un post dal wall Facebook di Graziano Camanzi con cui non potrei essere più d’accordo.

Leggi tutto “Partito Democratico: come reagire alla sconfitta di marzo 2018”

Prima i neri poi i napoletani

Retweeted Gennaro Carotenuto (@GenCar5):

Quartieri spagnoli, #Napoli, sfottendo immigrato: “Statti accorto che #Salvini sta facendo sparare ai neri”. Cingalese, con rabbia: “tu non hai capito che dopo i neri Salvini farà sparare ai napoletani”. Un Niemöller (Brecht) venuto da lontano a farci vedere noi stessi. #razzismo

Leggi tutto “Prima i neri poi i napoletani”

La politica del compromesso e la volgarità insostenibile

In un thread sul mio wall Facebook dedicato al recente sondaggio sulle intenzioni di voto pubblicato da Huffington Post si è scatenato un acceso dibattito tra le diverse fazioni. Tra tanti commenti ce n’è uno sulla politica del compromesso  in cui mi riconosco perfettamente e che trovo maledettamente sensato. L’ha postato un “amico di Facebook” che non conosco di persona, ma da cui leggo spesso pensieri interessanti.

Leggi tutto “La politica del compromesso e la volgarità insostenibile”

A proposito di razza bianca: leghisti bocciati!

Leggi tutto “A proposito di razza bianca: leghisti bocciati!”