LUOGOCOMUNISMI™

LUOGOCOMUNISMI ™ (ovviamente “senza se e senza ma”)

Ripetiamolo come un mantra: i LUOGOCOMUNISMI ™ sono (qualcuno aggiungeressbe subito “senza se e senza ma”) il male assoluto della lingua. Purtroppo la madre dei LUOGOCOMUNISTI™ è sempre incinta e ogni giorno ne spuntano di nuovi, quindi questa pagina – che immodestamente considero un baluardo di civiltà – è in costante aggiornamento. Sarà peraltro un riferimento imprescindibile appena avrò instaurato un nuovo ordine come Re del Mondo.

LUOGOCOMUNISMI ARCHETIPICI™

  • Senza se e senza ma
  • Non accettiamo lezioni da nessuno

LUOGOCOMUNISMI ™

  • Allucinante
  • Anarchia (usata all’opposto del suo reale valore)
  • Andrà tutto bene
  • Apericena
  • Assolutamente sì / no
  • Attaccati alle poltrone
  • Avete perso una buona occasione per tacere
  • Blasonato
  • Buonismo / buonista
  • Ciao a tutti sono nuovo nel gruppo
  • Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere
  • Comincino i ciclisti a rispettare le regole
  • Comodamente a casa tua
  • Comunisti col Rolex
  • Con la schiena dritta
  • Condizioni pari al nuovo
  • Contattare
  • Credete di avere la verità in tasca
  • Cura maniacale
  • Degrado
  • Dobbiamo ripartire da…
  • Dovete andare a casa
  • E le foibe?
  • È nel nostro DNA…
  • E… niente
  • Ecomostro
  • Fare bella mostra di sé
  • Filiera
  • Gli elettori hanno dato un chiaro segnale…
  • Ho dato la mia disponibilità a mettermi al servizio del Paese
  • Ho vari amici gay (ma anche: ebrei, neri, meridionali,…) e sono tutti ottime persone
  • I ciclisti che sfrecciano sul marciapiede
  • I crimini dei partigiani
  • I poteri forti
  • Il degrado!
  • Il fascismo degli antifascisti
  • Il nostro partito ne esce rafforzato
  • Il risultato di queste elezioni ha/non ha valore politico
  • Il teatrino della politica
  • Il tempo sarà galantuomo
  • Il verbo “asfaltare” al di fuori del significato tecnico relativo al manto stradale
  • Il verbo “rosicare” al di fuori di un testo classico in romanesco
  • In nome del Dio denaro (soprattutto se con la D maiuscola)
  • In quanto donna
  • In un paese normale…
  • Intercettare i voti al centro / dei delusi
  • L’Italia agli italiani
  • La famiglia arcobaleno
  • La famiglia tradizionale
  • La macchina del fango
  • La manodopera cinese pagata con una ciotola di riso
  • La risposta all’antipolitica è la buona politica
  • La strada maestra è…
  • Le mani in tasca agli italiani
  • Le radici cristiane
  • Le solite supercazzole
  • Levata di scudi
  • Mettere al centro…
  • Mussolini ha fatto anche cose buone / ha fondato l’INPS
  • Nella misura in cui
  • Nomignolo: il Bomba, Renzie
  • Nomignolo: i giornalai (giornalisti)
  • Nomignolo: i grullini
  • Nomignolo: Mestizia (Moratti)
  • Nomignolo: i pidioti
  • Nomignolo: Salah (Beppe Sala)
  • Nomignolo: i sinistri
  • Non abbiamo niente da nascondere
  • Non bisogna confondere laicità con laicismo
  • Non ci faremo intimidire
  • Non è un liberi tutti
  • Non firmeremo cambiali in bianco
  • Non ha bisogno di presentazioni
  • Obliterare
  • Pancia a terra
  • Panel
  • Prima gli italiani
  • Quant’altro
  • Radical chic
  • Resilienza
  • Siamo un partito di gente per bene
  • Stiamo sempre dalla parte di… (donne, forze dell’ordine, omosessuali, Israele, Palestina, animali…)
  • Svapare
  • Temi concreti
  • Terzomondismo
  • Un attimino
  • Un chiaro segno di discontinuità
  • Un nuovo soggetto politico
  • Un pò
  • Un presidente del Consiglio non eletto dal popolo (cancellato perché supera ogni tollerabile livello di ignoranza)
  • Un silenzio assordante
  • Un uomo del fare
  • Una certa sinistra
  • Una frase che si commenta da sola
  • Una polemica di cui (opzionale “francamente”) non si sentiva la necessità
  • Uno scollamento tra base e dirigenti
  • Vanno avanti con le colate di cemento / con le ruspe
  • Vogliamo cambiare questo paese
  • Vuoi mettere il profumo del libro di carta?
  • Vuoi mettere il profumo della benzina?
  • Vuoi mettere il suono del motore endotermico?
  • Webinar

I LUOGOCOMUNISMI ™ negli anni su OneMoreBlog

LUOGOCOMUNISMI ™: le parole sono importanti

Il grido di dolore dell’immenso Nanni Moretti da “Palombella rossa”.