Un post bacchettone e il Black Bloc

Rozza imbrattaMi rendo conto che il post originale su questa storiella ha un tono parecchio bacchettone. A mia discolpa preciso che è vernice lavabil… OPS!, scusa, ero solo molto indignato. Dunque provo a esprimere meglio il mio pensiero, riportando una risposta data a Marco Pierfranceschi sul thread di Marco Mazzei già segnalato nel post precedente.

Leggi tutto “Un post bacchettone e il Black Bloc”

#romasonoio: la resa finale a un potere inetto e ladro

#romasonoio“Il mio compito di cittadino-contribuente è quello di pretendere che lo Stato, ai suoi vari livelli, garantisca i servizi che le mie tasse finanziano in modo generoso, non di sostituirmi ad esso. [snip] Questa non è una semplice campagna che invita a non buttare le carte per terra o a non lasciare la plastica nei prati, né una campagna che certifica una riscossa, ma semmai una resa, la resa definitiva del cittadino divenuto suddito.”

Leggi tutto “#romasonoio: la resa finale a un potere inetto e ladro”

A cosa mira l’ideologia del decoro?

Ideologia del decoro“Affi­dare mag­giori poteri di poli­zia a que­stori e pre­fetti anche in mate­ria di decoro e degrado urbano. Ovvero dar loro la pos­si­bi­lità di inter­ve­nire su temi che vanno dalla pro­sti­tu­zione al cosid­detto accat­to­nag­gio, pas­sando per i locali not­turni troppo rumo­rosi, con prov­ve­di­menti inter­dit­tivi. Per fare l’esempio più noto alle cro­na­che, l’ipotesi su cui sta lavo­rando il mini­stero dell’Interno, darebbe a que­stori e pre­fetti la pos­si­bi­lità di appli­care anche in que­ste mate­rie ordi­nanze ana­lo­ghe al Daspo, il prov­ve­di­mento col quale attual­mente pos­sono impe­dire l’ingresso allo sta­dio ad alcuni tifosi, a pre­scin­dere da even­tuali respon­sa­bi­lità penali.”

Leggi tutto “A cosa mira l’ideologia del decoro?”

Le nuove “sentinelle in piedi” con spugna e scopettone

Retake Milano - Gli spazzaidee“Ci avete massacrato su un progetto che neanche conoscevate, su un muretto e un murale che neanche sapevate l’esistenza, basandovi su un video parziale, senza neanche conoscere l’evento di riqualifica che stava alla base del progetto stesso.” [snip] “Certo che se tutto questo grande movimento di protesta contro i volontari s’indirizzasse contro coloro che recentemente hanno vandalizzato la Darsena e il Teatro Burri avremmo una città sicuramente migliore”.

Leggi tutto “Le nuove “sentinelle in piedi” con spugna e scopettone”

Street art: Milano non è Lisbona

Street art per anziani a LisbonaNon basta essere volontari: bisogna sapere cosa si sta facendo ed a beneficio di chi. Non capisco come ad un writer facciano le perquise a casa come lo trovano con una bomboletta nello zaino e a ‘sti bellimbusti permettano invece di dipingere in pieno giorno, in barba a tutti i regolamenti municipali in materia di colori, ecc… La motivazione è “siamo volontari” e quindi possiamo, come se un writer la propria arte la producesse contro voglia. Approssimativi e supponenti come non mai, capaci di decidere da soli per il “bene ed il decoro comuni”, imponendo la loro visione monocromatica e totalizzante del panorama urbano.

Leggi tutto “Street art: Milano non è Lisbona”

Il potere di nulla ai cittadini

Cittadini volontari puliscono i muri“C’è una buona regola nelle amministrazioni comunali: mai dare ai cittadini il governo di nulla, neppure la gestione bagatellare (e apparentemente innocua) di pezzetti di muro, perchè se ne riterranno in qualche modo titolari sino al punto da considerarsi i berretti verdi del bene pubblico, sbianchettando allegramente tag e cultura, perchè eguali nella furia iconoclasta della pulitura purchessia. Nel caso in questione, il murales di Pao, andranno comunque stabilite delle responsabilità e non c’è dubbio che le scuse postume e sgarrupate dell’assessore Maran mettono tutto il peso in carico al municipio e il poco che resta agli esecutori vagamente catatonici di Retake, che non hanno sentito ragioni in virtù di regolare mandato (all’igiene).”

Leggi tutto “Il potere di nulla ai cittadini”

“Qualcuno” non è “qualcosa”

Cittadini volontari puliscono i muri“Il buon Serra, dopo averci detto che in tutti questi anni ha votato sempre per chi riteneva vincente, nella sua amaca quotidiana accusa di cinismo chi pone legittimi e motivati dubbi, nei confronti della sindrome da Cif e Mastro Lindo che ha colpito alcuni milanesi. Partendo dalla tesi assolutamente indimostrabile che ” prendersi cura di qualcuno è anticonformista”, Serra decanta l’encomiabile epidemia di pennellesse e spugne brandite , secondo lui, a furor di popolo. Non capendo che le perplessità di molti non riguardano il gesto –  anche per noi è meglio un muro pulito rispetto a una parete sporca – ma l’oggetto, le ragioni, il fine e  ilmetodo di questa frenesia.”

Leggi tutto ““Qualcuno” non è “qualcosa””

L’ideologia del decoro è un’ondata pericolosa

Cittadini volontari puliscono i muriL’ideologia del decoro è una ideo­lo­gia di destra, che divide i cit­ta­dini in “per­bene” e “per­male”; un’ideologia ultra­clas­si­sta che non tiene conto dei reali biso­gni di una comu­nità urbana, un’ideologia che si nutre delle divi­sioni interne, oriz­zon­tali, tra cit­ta­dini e dan­nati della terra che di azzuf­fano sulla stessa barca. L’ideologia del decoro è la pro­se­cu­zione con­tem­po­ra­nea del divide et impera che ha mar­chiato a fuoco la sto­ria dell’umanità. Il cit­ta­di­ni­smo, dal canto suo, non è retag­gio di forme di autor­ga­niz­za­zione di cit­ta­dini, asso­cia­zioni o gruppi di per­sone, che cer­cano di supe­rare la rap­pre­sen­tanza per rap­pre­sen­tarsi diret­ta­mente, bensì una moderna forma di orga­niz­za­zione, in gruppi chiusi, mossi da indi­gna­zione (spesso mista a raz­zi­smo e/o per­be­ni­smo) e soprat­tutto svuo­tati di qual­siasi con­te­nuto poli­tico se non quello del decoro e della puli­zia delle apparenze..

Leggi tutto “L’ideologia del decoro è un’ondata pericolosa”

I Bücherverbrennungen de noantri: risponde Pao

Murale di PaoRiportiamo per chi non ha un account su Facebook il post  con cui Pao ha commentato l’intervento degli Spazzaidee in via Cesariano a Milano. Come sempre, l’arte e la cultura rimediano all’ignoranza gretta e all’insensibilità becera di chi arriva al livello di definire “sporco” l’opera di un riconosciuto street artist. Fammi pensare, chi è che bruciava i libri e distruggeva le opere d’arte?

Leggi tutto “I Bücherverbrennungen de noantri: risponde Pao”