Democrazia e popolo sovrano: Scalfari rimette in carreggiata Repubblica

“La democrazia non ha mai affidato i poteri al popolo sovrano e quindi la sovranità è affidata a pochi che operano e decidono nell’interesse dei molti. È sempre stato così nella storia che conosciamo, a partire da quella di Roma antica quando ancora era una grande Repubblica”.

Leggi tutto “Democrazia e popolo sovrano: Scalfari rimette in carreggiata Repubblica”

Milano: fare 356 milioni in nero ogni giorno e vivere felici

La giornata comincia al bar d’angolo. Caffè e frolla fanno € 3 senza scontrino. Altri cinque avventori versano un totale approssimativo di altri € 30 senza scontrino. D’altra parte è noto che il personale in quel bar guadagna € 800 al mese senza contratto, cash on the nail.

Leggi tutto “Milano: fare 356 milioni in nero ogni giorno e vivere felici”

I mondeghili milanesi (quasi) come si facevano una volta

Mondeghili: non si sa molto sul significato del termine. Francesco Cherubini nel suo Dizionario Milanese-Italiano (Milano 1839), scrive: “Mondeghili: specie di polpette fatte con carne frusta, pane, uovo, e simili ingredienti”. Dell’origine della parola si sa poco, l’ipotesi più accreditata leggendo in giro per la Rete è che di tratti della trasformazione di un’etimologia araba importata ai tempi della dominazione spagnola a Milano (1535-1714): “al-bunduc” (carne tritata e fritta) diventato “albondiga” in Spagna, poi “bondighitos” e successivamente  “mondeghili” a MIlano.

Leggi tutto “I mondeghili milanesi (quasi) come si facevano una volta”

Velocità: lettera aperta al sindaco Sala e all’assessore Granelli

Gentile sindaco Sala, gentile assessore Granelli, ho appena pagato una contravvenzione di 40 euro per aver sforato di 4 km/h (77 anziché 73) il limite sul solito cavalcavia del Ghisallo. L’ho pagata volentieri perché ritengo che la limitazione di velocità in autostrada sia una necessità imprescindibile.

Leggi tutto “Velocità: lettera aperta al sindaco Sala e all’assessore Granelli”

Giuseppina Ghersi e lo sdegno collettivo di chi non verifica i fatti

Naturalmente ti è chiaro (perché ti è chiaro, no?) che se in buona fede  ti sei unito al coro di sdegno per la vicenda della lapide a commemorazione di Giuseppina Ghersi, vuol dire che ti hanno fatt* fess*.

Leggi tutto “Giuseppina Ghersi e lo sdegno collettivo di chi non verifica i fatti”

Fracassoni in città: chi butteresti giù dalla torre per vivere meglio?

Dannati fracassoni! La città già è un caos, ma a renderla anche più invivibile sono tre categorie di utenti della strada: i Fantozzi travestiti da biker con Harley fighetta rombante, i guidatori grassi di scooterone seduti sul WC che fa “BRAAAAAA…..!!!!” dalla marmitta Akrapovic e i finti leoni delle piste con la monocilindrica quattro tempi senza marmitta.

Leggi tutto “Fracassoni in città: chi butteresti giù dalla torre per vivere meglio?”

Honour and respect: a distorted storytelling of Chinese martial arts

I heard of a recent flame about “honour and respect” in Chinese martial arts that hit my Hung Kuen brother Che Kong Mak. According to what I understood, he has been criticized for posting a video of him teaching Hung Kuen kung fu to some Wing Chun students wearing the t-shirt of their school.

Leggi tutto “Honour and respect: a distorted storytelling of Chinese martial arts”

Idranti sui migranti e foglie di fico nel centro di Roma

Mi indignano gli idranti sui migranti. Nessuno è più solidale di me nei confronti dei poveri scappati dal Terzo Mondo alla ricerca di una vita e sbattuti qua e là come sacchi di immondizia. Ma la reazione dei leoni da tastiera scatenati contro gli eventi di ieri si concentra su un dettaglio anziché sulla complessità degli eventi. E soprattutto perdono di vista i veri responsabili della inaccettabile violenza.

Leggi tutto “Idranti sui migranti e foglie di fico nel centro di Roma”

40 anni senza Elvis

Elvis chitarrista? Sì e no: in realtà conosceva giusto qualche accordo, perché per lui la chitarra – di cui è stato uno straordinario promoter – era soprattutto una componente del look di scena. Eppure nei rari filmati in cui lo si sente suonare, il Re fa faville per feeling e groove. In occasione dei 40 anni dalla sua scomparsa raccontiamo la relazione tra uno dei più grandi performer della storia e le sue chitarre.

Leggi tutto “40 anni senza Elvis”

Vaccinazioni: “Non mi avrete mai come volete voi!”

“Non mi avrete mai come volete voi”. In questo slogan, non originale, sta la soluzione. Ci si poteva aspettare una scritta tipo “Libertà di cura”, o “Il corpo è mio e me lo vaccino io”, e invece si fa riferimento a un Ente minaccioso (“voi”) e a un programma antagonista (“non mi avrete mai”). Dal punto di vista comunicativo un mix perfetto.

Leggi tutto “Vaccinazioni: “Non mi avrete mai come volete voi!””