Basta gne-gne-gne: il PD abbia rispetto dei suoi elettori

“Allargare il reddito di inclusione per azzerare la povertà assoluta in tre anni e potenziare le azioni contro la povertà educativa; introdurre l’assegno universale per le famiglie con figli, la carta dei servizi per l’infanzia e nuovi strumenti di welfare a favore dell’occupazione femminile, per ridurre le diseguaglianze e sostenere il reddito dei ceti medi; introdurre il salario minimo legale, combattere il dumping salariale dei contratti pirata anche valorizzando il Patto per la fabbrica promosso dalle parti sociali. Tagliare ancora il carico fiscale sul costo del lavoro a tempo indeterminato per favorire assunzioni stabili con priorità a donne e giovani, norme per la parità di retribuzione dei generi”. 
Leggi tutto “Basta gne-gne-gne: il PD abbia rispetto dei suoi elettori”

La gauche caviar è viva e lotta sul mio wall Facebook in attesa del 4 marzo

Nell’ultima settimana ho fatto anch’io un’indagine informale sulle intenzione di voto basata sugli “amici” di Facebook attivi sulla mia pagina. Insomma, quando uno commentava cercavo sui miei post politici andavo a cercare sul suo wall un’intenzione di voto e un’informazione sulla situazione socio-professionale. Se avevo i due dati li aggiungevo a un foglio excel, ovviamente anonimi.

Leggi tutto “La gauche caviar è viva e lotta sul mio wall Facebook in attesa del 4 marzo”

Con questi politici non vinceremo mai (anche se non bisognerebbe dirlo)

Con questi politici non vinceremo mai. So che non si dovrebbe dirlo, che alla fine anche costoro sono alternativi a leghisti e grillisti, che sbandierano la parola “sinistra”. E’ tempo di unire. non di dividere, forse anche per questo a me la nuova truppa di perdenti e riciclati cacciatori di poltrona per i prossimi cinque anni fa tristezza e un po’ di rabbia.

Leggi tutto “Con questi politici non vinceremo mai (anche se non bisognerebbe dirlo)”

Elezioni siciliane e Matteo Renzi: il noioso mantra delle dimissioni

Elezioni siciliane e Matteo Renzi: perché mai il risultato debba “aprire il tema della leadership” nel PD – unico partito italiano in cui si fanno i congressi per votare un segretario – non è chiaro. Semmai questo episodio (locale) dovrebbe confermare il giudizio su chi è venuto meno allo spirito democratico, rinunciando a sostenere la segreteria eletta, facendo opposizione dall’interno fino al prossimo congresso e mostrandosi compatti fuori, com’è sempre stato, come insegnavano Gramsci e Berlinguer.

Leggi tutto “Elezioni siciliane e Matteo Renzi: il noioso mantra delle dimissioni”

5 mosse per costruire qualcosa di nuovo

Campo Progressista con PisapiaIl rilancio della mia riflessione sull’iniziativa “Campo Progressista” di Giuliano Pisapia ha indotto l’amico Ferdinando Pertusio e scrivere questo commento di cui i protagonisti dell’iniziativa dovrebbero tenere conto.

Leggi tutto “5 mosse per costruire qualcosa di nuovo”

Aderire a Campo Progressista: ma perché?

Campo Progressista con Pisapia“Vogliamo costruire una rete su tutto il territorio Italiano. Esperienze politiche, associative, culturali. Progressiste, democratiche, ecologiste, civiche. Unite nell’esigenza di dare vita a una storia radicalmente inedita. Non un partito o un cartello elettorale, ma una leva che valorizzi le risorse positive esistenti e ne liberi di nuove.”

Leggi tutto “Aderire a Campo Progressista: ma perché?”

Quella sinistra perdente che non sa gioire se Renzi vince

civati“Ciò che è accaduto in occasione del varo della legge sulle Unioni Civili, un momento davvero importante per il nostro Paese, è quanto di più malinconico si potesse vedere nel campo della sinistra. [snip] Dal momento in cui la legge è entrata alla Camera per la sua definizione finale, tutta la sinistra che ha in avversione Renzi si è come cristallizzata, imbacalita dall’imbarazzo, non è stata più in grado di esprimere un sentimento, paralizzata dalla reale e concretissima possibilità che quella giornata così storica per il Paese finisse tra i meriti evidenti del presidente del Consiglio.”

Leggi tutto “Quella sinistra perdente che non sa gioire se Renzi vince”

Un post bacchettone e il Black Bloc

Rozza imbrattaMi rendo conto che il post originale su questa storiella ha un tono parecchio bacchettone. A mia discolpa preciso che è vernice lavabil… OPS!, scusa, ero solo molto indignato. Dunque provo a esprimere meglio il mio pensiero, riportando una risposta data a Marco Pierfranceschi sul thread di Marco Mazzei già segnalato nel post precedente.

Leggi tutto “Un post bacchettone e il Black Bloc”