Elezioni siciliane e Matteo Renzi: il noioso mantra delle dimissioni

Elezioni siciliane e Matteo Renzi: perché mai il risultato debba “aprire il tema della leadership” nel PD – unico partito italiano in cui si fanno i congressi per votare un segretario – non è chiaro. Semmai questo episodio (locale) dovrebbe confermare il giudizio su chi è venuto meno allo spirito democratico, rinunciando a sostenere la segreteria eletta, facendo opposizione dall’interno fino al prossimo congresso e mostrandosi compatti fuori, com’è sempre stato, come insegnavano Gramsci e Berlinguer.

Leggi tutto “Elezioni siciliane e Matteo Renzi: il noioso mantra delle dimissioni”

Come usare la pancetta D’Osvaldo che non si lascia più affettare

Ogni volta che posso compro la pancetta (e altri salumi, tra cui quando lo trovo il magnifico crudo affumicato) a Cormons da D’Osvaldo Prosciutto di Cormòns. La loro pancetta è una delizia artigianale, lievemente affumicata, che si affetta a macchina sottile e si mangia su pane buono per rendere ancora piùdelizioso il Friulano di Zorzettig Vini.

Leggi tutto “Come usare la pancetta D’Osvaldo che non si lascia più affettare”

Bolzaneto 2001: Strasburgo condanna l’Italia ma nessuno paga

E allora a Bolzaneto nel 2001 fu tortura vera, un reato terribile, reso ancora più odioso dall’insensatezza di quei giorni. Ma purtroppo a pagare sono state quattro scartine blu, pochi fantaccini violenti, ma non i responsabili veri, cioè i ranghi delle forze dell’ordine (molti dei quali promossi o felici pensionati) e soprattutto i due delinquenti veri in forza alla politica, due ceffi con tendenze fascistoidi (più o meno palesi), in doppiopetto, all’epoca inopinatamente occupanti di posizioni istituzionali di rilievo: Massimo Fini e Claudio Scajola.

Leggi tutto “Bolzaneto 2001: Strasburgo condanna l’Italia ma nessuno paga”

Pasta alla bottarga: la mia sintesi di tradizione italiana e turca

La pasta alla bottarga è una meraviglia di semplicità, un minimo di ingredienti e la felicità è assicurata. Dopo averla fatta per tanto tempo con l’olio sono passato al modello turco, con il burro e la buccia di limone. Sono consapevole del disprezzo che questa preparazione alternativa suscita in tanti puristi della cucina italiana tout-court. Molti urleranno allo scandalo e leveranno scudi a difesa dell’olio d’oliva, ma secondo me in questo modo la goduria della pasta alla bottarga viene amplificata (e comunque, scusa, non ti fai i crostini pane, burro e acciughe con una scorzetta di limone? Ecco, appunto).

Leggi tutto “Pasta alla bottarga: la mia sintesi di tradizione italiana e turca”

Democrazia e popolo sovrano: Scalfari rimette in carreggiata Repubblica

“La democrazia non ha mai affidato i poteri al popolo sovrano e quindi la sovranità è affidata a pochi che operano e decidono nell’interesse dei molti. È sempre stato così nella storia che conosciamo, a partire da quella di Roma antica quando ancora era una grande Repubblica”.

Leggi tutto “Democrazia e popolo sovrano: Scalfari rimette in carreggiata Repubblica”

Milano: fare 356 milioni in nero ogni giorno e vivere felici

La giornata comincia al bar d’angolo. Caffè e frolla fanno € 3 senza scontrino. Altri cinque avventori versano un totale approssimativo di altri € 30 senza scontrino. D’altra parte è noto che il personale in quel bar guadagna € 800 al mese senza contratto, cash on the nail.

Leggi tutto “Milano: fare 356 milioni in nero ogni giorno e vivere felici”

I mondeghili milanesi (quasi) come si facevano una volta

Mondeghili: non si sa molto sul significato del termine. Francesco Cherubini nel suo Dizionario Milanese-Italiano (Milano 1839), scrive: “Mondeghili: specie di polpette fatte con carne frusta, pane, uovo, e simili ingredienti”. Dell’origine della parola si sa poco, l’ipotesi più accreditata leggendo in giro per la Rete è che di tratti della trasformazione di un’etimologia araba importata ai tempi della dominazione spagnola a Milano (1535-1714): “al-bunduc” (carne tritata e fritta) diventato “albondiga” in Spagna, poi “bondighitos” e successivamente  “mondeghili” a MIlano.

Leggi tutto “I mondeghili milanesi (quasi) come si facevano una volta”

Velocità: lettera aperta al sindaco Sala e all’assessore Granelli

Gentile sindaco Sala, gentile assessore Granelli, ho appena pagato una contravvenzione di 40 euro per aver sforato di 4 km/h (77 anziché 73) il limite sul solito cavalcavia del Ghisallo. L’ho pagata volentieri perché ritengo che la limitazione di velocità in autostrada sia una necessità imprescindibile.

Leggi tutto “Velocità: lettera aperta al sindaco Sala e all’assessore Granelli”

Giuseppina Ghersi e lo sdegno collettivo di chi non verifica i fatti

Naturalmente ti è chiaro (perché ti è chiaro, no?) che se in buona fede  ti sei unito al coro di sdegno per la vicenda della lapide a commemorazione di Giuseppina Ghersi, vuol dire che ti hanno fatt* fess*.

Leggi tutto “Giuseppina Ghersi e lo sdegno collettivo di chi non verifica i fatti”