Lo sforzo sovrumano di Giuseppe Sala

sala e renziGiuseppe Sala sta recitando una parte da gioviale che gli riesce parecchio difficile: quando prova a fare il simpatico si percepisce il suo sforzo sovrumano. Però lui è tutto tranne che un imbecille e da sindaco tenterà di fare al meglio il suo mestiere di facilitatore per gli affari dei suoi referenti nel mondo degli affari.

Leggi tutto “Lo sforzo sovrumano di Giuseppe Sala”

Expo: un successo di cartapesta

GIUSEPPE SALA“Il governo di Milano era nelle mani dell’amministratore delegato di Expo: l’uomo di fiducia di Letizia Moratti e del suo clan. Non un “manager”, ma uno scemo che non si è accorto di niente; oppure il più mariuolo di tutti, che è riuscito a sfangarla. Comunque sia, nessuno stupore se alla fine della sindacatura Pisapia, quell’uomo sia venuto a prendere ufficialmente possesso del suo vero ruolo: e con l’investitura del Pd.”

Leggi tutto “Expo: un successo di cartapesta”

Pisapia ha fatto la cosa giusta

Giuliano PisapiaIn questi giorni il tormentone è: il grande sconfitto delle primarie è Giuliano Pisapia. In realtà, visto che come ha scritto Alessandro Gilioli “ha vinto Sala perché il centrosinistra non c’è più”, le cose non stanno esattamente così. Pisapia ha fatto quello che poteva e soprattutto doveva. Sconfitti veri sono i milanesi, trasformati in comparse di una rappresentazione paternalistica e – se si riconosce loro un briciolo di intelligenza – tutto sommato inutile. Bastava dire le cose come stanno, qualcuno avrebbe starnazzato un po’ su Facebook e morta lì. Sintetizzo la mia lettura dei fatti di questi giorni, consapevole che piacerà a pochi. Ma ci sono abituato.

Leggi tutto “Pisapia ha fatto la cosa giusta”

La marcia in più è Matteo Renzi

Sala vince le primarieLo diciamo in totale leggerezza e confortati dall’aver pronosticato perfettamente il risultato: visto che Pierfrancesco Majorino​ e Francesca Balzani​ non sono due imbecilli, è quasi impossibile non pensare a una loro  partecipazione – appassionata e convinta – a una recita organizzata benissimo, un progetto di distrazione di massa di altissima professionalità.

Leggi tutto “La marcia in più è Matteo Renzi”

Vittorio Sgarbi candidato a Milano: perché no?

vittorio-sgarbiVittorio Sgarbi scrive sul suo wall Facebook: “Considerata l’incomprensibile scelta della RAI che vieta alle trasmissioni di approfondimento giornalistico come quelle di Vespa o Porro di fare sondaggi per le elezioni amministrative di Milano, ne ho commissionato uno io. (pubblicherò qui, più tardi, risultati). Sulla base di questo sondaggio e confortato dal sostegno di molte personalità della cultura e dell’imprenditoria (tra questi Francesco Micheli), ho deciso di candidarmi a sindaco di Milano con una lista civica alternativa agli attuali partiti.”

Leggi tutto “Vittorio Sgarbi candidato a Milano: perché no?”

Pierfrancesco e il futuro di Milano

majorinoIn tanti rimpiangeremo Giuliano Pisapia, la sua garbata determinazione. Lo rimpiangeremo ancora di più ora che gli schieramenti sui vari candidati hanno fatto capire molte cose sui primi eventi del 2011, quegli eventi che criticammo aspramente non conoscendone molti retroscena. Ma lo rimpiangeremo un po’ meno se – invece del Sala annunciato – a guidare Milano andrà la persona indicata dal miglior sindaco che Milano abbia avuto, se non nel dopoguerra, certo da più di un quarto di secolo.  Oggi ne abbiamo avuto la conferma.

Leggi tutto “Pierfrancesco e il futuro di Milano”

Pisapia Pisapia canaglia

Pisapia e Balzani“Mi rendo conto che il bravo  Pierfrancesco Majorino e gli amici che lo sostengono saranno poco felici per l’endorsement a Francesca Balzani. Mi rendo conto, ma non posso che essere contento. Non so cosa farò quando dovrò dare un voto, ma mi fa piacere che il sindaco che ho voluto e in cui – nonostante tutto – mi sono riconosciuto abbia preso posizione a favore di uno dei candidati che apprezzo.  Purtroppo Sala resta il suo più probabile successore, ma oggi Giuliano Pisapia gli ha levato qualche po’ di sabbia da sotto i piedi. E hai visto mai che possa ancora succedere un miracolo, prima da parte dei candidati e poi da parte degli elettori.”

Leggi tutto “Pisapia Pisapia canaglia”

Sala sindaco e poco altro da dire

Giuseppe SalaNomenklatura del PD con relativi cacciatori di dote e loro fantaccini, mondo cattolico (CL e CdO), gruppuscoli di affari minori e una parte di intellighenzia milanese: tutti vogliono Giuseppe Sala sindaco. Visto che i dati Expo (magari a martellate) usciranno  positivi, il discorso su primarie e amministrative 2016 si può chiudere qui, con Sala sindaco e poco altro da dire.

Leggi tutto “Sala sindaco e poco altro da dire”

I due partiti milanesi e la scheggia impazzita

Renzi e PisapiaLa sensazione realistica è che i destini delle grandi città siano già decisi (Milano al PD e Roma alle destre) e che in presenza di due candidatura solide come Balzani e Sala (quasi un confronto “sinistra” e “destra”) le primarie di Milano potrebbero essere più importanti delle elezioni stesse. Ma bisogna tener conto della scheggia impazzita.

Leggi tutto “I due partiti milanesi e la scheggia impazzita”

Primarie o referendum Sala-sì / Sala-no?

Majorino e BalzaniQualora decidessi di votare alle primarie milanesi sceglierei tra Pierfrancesco Majorino​ e  Francesca Balzani​. Ritengo che come me farebbero tanti altri elettori di centrosinistra che non si rassegnano a tornare in mano a un “uomo della provvidenza” e alla lista di supporter che sono accorsi prima che i posti disponibili a bordo si esaurissero.

Leggi tutto “Primarie o referendum Sala-sì / Sala-no?”

Primarie: la sceneggiata più bella d’Italia

navigli Milano“La sceneggiata delle primarie “più belle d’Italia” non prevede colpi di scena. Ma come ogni competizione che si rispetti, da qui al 7 febbraio, cordialmente, Giuseppe Sala, Pierfrancesco Majorino e Francesca Balzani dovranno pur tentare di imbastire qualche duello sul piano delle idee.”

Leggi tutto “Primarie: la sceneggiata più bella d’Italia”

GLBT e campagna elettorale

non rimuovere i postIn un post sulla sua pagina Facebook, subito ripreso da Repubblica, il candidato alle primarie milanesi Pierfrancesco Majorino ha scritto: “In un Paese medioevale, in cui anche una legge moderatissima sulle unioni civili prosegue con stento il suo cammino, Milano deve dare l’esempio. Dobbiamo andare avanti con coraggio sulla strada dei diritti e per questo vorrei nella mia Giunta un assessore che sia espressione diretta del movimento LGBT: un protagonista che sappia tradurne le lotte sacrosante nel punto di vista dell’amministrazione”.

Leggi tutto “GLBT e campagna elettorale”

Qualcosa di Sinistra: Milano non può tornare indietro

Majorino e Sala“Milano, dopo cinque anni di buona amministrazione, non può tornare indietro di vent’anni, riportando al potere le stesse persone che l’hanno sfasciata. Se Majorino avesse davvero a cuore il destino della città, dovrebbe sfilarsi dalla competizione e convergere sulla Balzani (esattamente come ha fatto Emanuele Fiano, che però si è ritirato per sostenere Sala): solo così smentirebbe le voci dei “maligni” sull’inciucio tra lui e l’ex-ad di Expo e dimostrerebbe di non pensare alla propria carriera personale.”

Leggi tutto “Qualcosa di Sinistra: Milano non può tornare indietro”

Sull’utilità delle primarie

andrea bonessa“A pensar bene sembra che la necessità di primarie sia, come risponde il buon avvocato Wiler, da ricercare nelle sacre scritture della liturgia politica di sinistra, ormai scolpite nella pietra.
A pensar male sembra che si voglia trasformare una semplice conta interna in una decisione collettiva e quanto più universale.
A pensar peggio si tratta del solito racconto fantastico della partecipazione con cui si desidera ancora illudere quella parte di cittadinanza orfana di un reale coinvolgimento.”

Leggi tutto “Sull’utilità delle primarie”

Rendere vivibile MIlano in poche mosse: ma è tanto difficile?

Milano desertaGrazie al blocco del traffico oggi ho girato Milano in lungo e in largo con € 1,5 + qualche cent di BikeMi + usura scarpe Nike Air Structure 18. Facciamo € 2,0 per semplicità. Secondo il mio GPS ho percorso oltre 20 km in tempi davvero contenuti. E all’incrocio Misurata-Lorenteggio non c’era il solito casino del lunedì che da ben cinque amministrazioni – inclusa l’attuale giunta Pisapaia – hanno colpevolmente trascurato.

Leggi tutto “Rendere vivibile MIlano in poche mosse: ma è tanto difficile?”