L’affare Vivaldi: piccolo capolavoro di Sardelli

L'affare Vivaldi“Correva l’anno 1979 e, presso la casa editrice di Elvira Giorgianni e del marito Enzo Sellerio, quello straordinario intellettuale (prima ancora che scrittore) che era Leonardo Sciascia avviava la collana “La memoria”, selezionando dal passato o dal presente pillole letterarie che con la preservazione della memoria o con il ripristino (anche postumo, tardivo, risarcitorio) della verità storica avessero una qualche attinenza. È in questa collana – oggi gloriosamente avviata al numero 1000, in trentasei anni trascorsi fra le perle scritte o scelte da Sciascia e qualche giallo di mano abile, talvolta un po’ commerciale – che trova collocazione editoriale “L’affare Vivaldi” di Federico Maria Sardelli; e non potrebbe ipotizzarsi collocazione più appropriata, per tanti motivi.” Leggi tutto “L’affare Vivaldi: piccolo capolavoro di Sardelli”

Primo Maggio e dark tourism

BMW che brucia“Dark tourism: la moda di visitare luoghi di casi di cronaca, catastrofi storiche e fenomeni politici in generale. Ad esempio ultimamente in Grecia sembra esserci una sorprendente affluenza di stranieri interessati a visitare i luoghi della crisi economica, ed esistono agenzie che propongono tour specifici. Per soli 70 euro è possibile partecipare al circuito “Greek crisis in context”: un giro per Atene che termina in una taverna per conversare con degli intellettuali rovinati.”

Leggi tutto “Primo Maggio e dark tourism”

L’incivile società civile

Barbara Spinelli ANSA: L’europarlamentare Barbara Spinelli esce dalla lista l’Altra Europa con Tsipras, rimanendo come indipendente nel gruppo Sinistra Unitaria Europea-Ngl. E’ quanto comunica in una nota, annunciando che in Italia non entrerà in nessun gruppo. “Non intendo contribuire in alcun modo – spiega – a un’ennesima atomizzazione della sinistra fondando o promuovendo un’ulteriore frazione politica. La mia attività sarà concentrata sulle attività parlamentari europee con attenzione particolare a quello che succede in Italia e in Grecia”

Leggi tutto “L’incivile società civile”

Libertà di stampa: Italia come Nicaragua e Tanzania

Antonio Cipriani“Qui non si discute che ci possa essere stata un’effettiva responsabilità, o un sistema di deleghe non perfettamente funzionante. O forse è che il sistema giornalistico si sta trasformando così rapidamente da non poter rispondere con le stesse logiche e strumenti di anche solo 20-30 anni fa. Qui si discute il fatto che la condanna al carcere è arrivata perché all’interno di questo sistema, ad un Antonio che non può permettersi di pagare avvocati che seguano 34 cause diverse, finisce che una sfugga e finisca con una condanna al carcere. Già finire in carcere per un generico reato di opinione suona strano, sia per la natura del reato, che per il genericismo: Antonio non aveva responsabilità dirette su quell’opinione, scritta di pugno da un giornalista iscritto all’Albo. Finirci perché ricadono su di te responsabilità incommensurate perché il tuo editore si dilegua e perché non hai la capacità economica di difenderti, è inammissibile.”

Leggi tutto “Libertà di stampa: Italia come Nicaragua e Tanzania”

La ghost bike per Matteo

La mamma di Matteo “La signora con il microfono in mano è la mamma di Matteo. Matteo una sera di un mese fa è stato ucciso mentre era in sella alla sua bicicletta. Ieri la Critical Mass ha depositato una Ghost Bike in suo onore. Questa mamma, nel giorno della festa di tutte le mamme, è venuta a trovarci nella nostra “casa” in Mercanti e ha pedalato al nostro fianco per quasi 20 km. Non abbiamo avuto, purtroppo, il piacere di conoscere il sorriso di Matteo ma abbiamo potuto immaginarlo tramite il volto, incredibilmente sereno, di questa donna straordinaria nella sua compostezza e nella sua forza d’animo. Abbiamo conosciuto i tuoi amici, ci hanno parlato delle tue passioni e dei tuoi impegni. Matteo, manchi a noi che non ti abbiamo conosciuto, non osiamo pensare quanto manchi a tutti quelli che ti volevano bene.”

Leggi tutto “La ghost bike per Matteo”

La mail di Pippo Civati

Pippo Civati“Cogliamo l’occasione di questa bella lettera che Jacopo Iacoboni ha scritto ieri per La Stampa – e che trovate qui di seguito – per aprire una discussione tra tutti coloro che sono interessati a al percorso che faremo da oggi in poi e alla nuovo spazio che siamo intenzionati a aprire. Potete scrivere qui di seguito la vostra proposta, ma niente politicismi: siamo alla ricerca di una visione, raccontateci la storia che vorreste veder iniziare, scriveteci il vostro ‪#‎tag‬ a cui legarla: alla fine Pippo Civati risponderà, in attesa di vederci, come sempre, di persona personalmente.”

Leggi tutto “La mail di Pippo Civati”

U2 in metropolitana a NYC

U2 surprise concert may 4 2015A pochi fortunati è capitato di passare per la fermata Grand Centra della metropolitana di New York lo scorso 4 maggio, quando gli U2, all’inizio travestiti da buskers, hanno improvvisato un concerto a sorpresa.  La band avrebbe suonato “Angel of Harlem”, “A Beautiful Day” e “Song for Someone”, il singolo dal loro recente album “Songs of Innocence”. C’è un video con parte dell’esibizione. Fantastiche le reazioni degli astanti.

Leggi tutto “U2 in metropolitana a NYC”

Il problema della sinistra e i problemi di Polito

Cameron e Miliband“La differenza tra ideologia e analisi è che la prima parte da un assunto per forzare in esso i dati di realtà, la seconda parte dai dati di realtà per provare ad arrivare a una lettura, pur provvisoria, delle cose.  La tendenza all’ideologia, storicamente, fa parte dei difetti della sinistra, tanto che molti ex esponenti della sinistra, diventati di destra, continuano ad applicare lo stesso schema cognitivo pur avendo cambiato parte. “

Leggi tutto “Il problema della sinistra e i problemi di Polito”