La tessera a scadenza – il lietofine

tessera ricaricamiDopo due ore dall’invio del fax ricevo una telefonata da un numero sconosciuto. Rispondo pronto a rifiutare l’ennesima offerta di un contratto Vodafone e invece è un funzionario del servizio di relazioni col pubblico ATM. Mi spiega che il problema è causato da un cambio di protocolli, si scusa e mi chiede cosa può fare.

Leggi tutto “La tessera a scadenza – il lietofine”

Le elezioni britanniche in sintesi

David CameronL’imprevista (dai sondaggisti) vittoria di David Cameron, che ha conquistato la maggioranza assoluta, verrà sezionata, analizzata, commentata, discussa da tutto il mondo. Ma è un evento che tocca da vicino anche noi, soprattutto per le ripercussioni che potrà avere sull’Europa. Ecco i primi pensieri dopo la lettura dei giornali.

Leggi tutto “Le elezioni britanniche in sintesi”

Melissa Etheridge e Bruce Springsteen – Thunder Road

Melissa Etheridge - Bruce SpringsteenThunder Road è uno dei capolavori dell’umanità e Melissa Etheridge – fan sfegatata del Boss – lo suona sempre. Qui è nel momento che lei descrive come il culmine della sua carriera, quando Bruce Springsteen è salito sul palco con lei nel 1995 per un duetto unplugged. L’esecuzione è intensissima, Melissa è emozionata e ci mette l’anima, il Boss generoso come sempre. Un video imperdibile.

Leggi tutto “Melissa Etheridge e Bruce Springsteen – Thunder Road”

Ragazzotti toscani e ragazzotti brianzoli

Pippo CivatiIn uno dei thread dedicato all’esodo di Civati dal PD sulla pagina Facebook de Gli Stati Generali (peraltro già citato qui) ho postato un commento che sintetizza il mio pensiero sulla vicenda. Non è facile ragionare di politica in questi thread, in cui spesso ironia, sarcasmo e pancia annullano qualunque possibilità di scambiare opinioni. Quindi riporto qui il mio pensiero sulla faccenda.
Leggi tutto “Ragazzotti toscani e ragazzotti brianzoli”

Un fuoriclasse ma anche no

Pippo CivatiPippo Civati che lascia il Pd è un po’ come Alessandro Del Piero che la Juventus ha lasciato andare via senza fare alcuno sforzo per trattenerlo. Non tanto per il comune talento (Civati deve ancora dimostrare di essere un fuoriclasse della politica), ma per il fatto che entrambi, nonostante gli ambiti diversi, erano visti come una bandiera. La metafora calcistica serve a rendere l’idea di quanto è accaduto con la decisione del deputato di abbandonare il Partito democratico. Perché non si è trattato di un semplice parlamentare alla ricerca di un altro lido per convenienza.

Leggi tutto “Un fuoriclasse ma anche no”

La tessera a scadenza – 1

tessera ricaricamiPer dire: tu che sei un bravo cittadino paghi sempre il biglietto dell’ATM. Per essere certo di poter sempre pagare, tu che sei bravo cittadino tieni non una, ma due tessere ricaricabili nel portafoglio, così se una finisce o se hai un amico senza biglietto usi l’altra.  Sei un bravo cittadino, quindi tieni sempre ben carica la tessera (anche perché spesso le macchinette di ricarica non vanno, oppure non hanno linea bancomato).  Facile? Non proprio.

Leggi tutto “La tessera a scadenza – 1”

Anche Susi sfila a Milano oggi 70 anni fa

Eva Colombo sfila a Milano“Poi ho fatto la partigiana. Facevo la collegatrice in Valtellina e sono stata arrestata,  portata a Sondrio, poi da Sondrio a Como e da Como a San Vittore. Nel frattempo trattavano lo scambio e sono stata scambiata con un ufficiale tedesco che era stato preso  prigioniero nell’Oltrepò Pavese. Ripresi a fare il collegamento tra Milano e l’Oltrepò  Pavese, ma in bicicletta e non più in treno. “

Leggi tutto “Anche Susi sfila a Milano oggi 70 anni fa”

Un Primo Maggio politicamente disastroso

riot“Ana­li­sti e die­tro­logi se ne fac­ciano una ragione. I cosid­detti “black bloc” non ven­gono da Marte, non si sono “infil­trati” nel cor­teo e non sono nem­meno al soldo della spec­tre. Ci sono, sono un pro­blema e biso­gnerà tenerne conto. Erano nel cor­teo, den­tro, nem­meno in fondo. Gli spez­zoni della mani­fe­sta­zione hanno dovuto gio­co­forza tol­le­rarli e cer­care di tute­lare il cor­teo da una rea­zione della poli­zia che a un certo punto sem­brava scontata. La May­Day era con­tro il blocco nero? Que­sto movi­mento, que­sta piazza, che è pur sem­pre il mas­simo che oggi si possa espri­mere, non ne aveva la forza. Né mili­tare, né poli­tica. Que­sto è un limite. Ecco per­ché que­sto primo mag­gio è “poli­ti­ca­mente” disastroso.”

Leggi tutto “Un Primo Maggio politicamente disastroso”