L’ideologia del decoro è un’ondata pericolosa

Cittadini volontari puliscono i muriL’ideologia del decoro è una ideo­lo­gia di destra, che divide i cit­ta­dini in “per­bene” e “per­male”; un’ideologia ultra­clas­si­sta che non tiene conto dei reali biso­gni di una comu­nità urbana, un’ideologia che si nutre delle divi­sioni interne, oriz­zon­tali, tra cit­ta­dini e dan­nati della terra che di azzuf­fano sulla stessa barca. L’ideologia del decoro è la pro­se­cu­zione con­tem­po­ra­nea del divide et impera che ha mar­chiato a fuoco la sto­ria dell’umanità. Il cit­ta­di­ni­smo, dal canto suo, non è retag­gio di forme di autor­ga­niz­za­zione di cit­ta­dini, asso­cia­zioni o gruppi di per­sone, che cer­cano di supe­rare la rap­pre­sen­tanza per rap­pre­sen­tarsi diret­ta­mente, bensì una moderna forma di orga­niz­za­zione, in gruppi chiusi, mossi da indi­gna­zione (spesso mista a raz­zi­smo e/o per­be­ni­smo) e soprat­tutto svuo­tati di qual­siasi con­te­nuto poli­tico se non quello del decoro e della puli­zia delle apparenze..

Titolo: “Cento colpi di spugna (tra Roma e Milano)”. Tutto da leggere questo pezzo di @zeropregi su il manifesto.