Coronavirus: diritti e doveri in una democrazia malata

“Siamo in presenza di una enorme asimmetria tra diritti e doveri. Alessandro Barbano, già direttore del Mattino di Napoli, ha compiuto un’interessante analisi, coniando il termine «dirittismo», ossia «la percezione collettiva di essere titolari di un credito politico nei confronti della democrazia, a cui non corrisponde una parallela responsabilità sociale» . In questo modo aumenta la volatilità del consenso, l’aspettativa di espansione dei diritti soggettivi supera i confini del realismo, scaricandosi su un’offerta politica che purtroppo è accondiscendente con il risultato di aumentare deficit e debito pubblico.”

Tutto quello che un cittadino dovrebbe limitarsi a dire sulla vicenda coronavirus in Italia è contenuta in questo articolo di Beniamino Piccone. La foto di corredo è stata scattata in una località sciistica lombarda il 7 marzo, in piena emergenza contagio.