Kant e la weltanschauung della chitarra vintage

Immanuel KantDa qualche tempo basta aprire il tema “chitarre vintage” per scatenare un putiferio. Estimatori e detrattori si confrontano all’ultimo sangue, scagliandosi addosso argomenti che presto diventano pietre. Ci sono i duri-puri delle pre-CBS che suonano “da dio”, quelli che disprezzano collezioni e collezionisti, c’è chi invoca i blind test, chi afferma la superiorità delle chitarre moderne. Ci sono i peones delle artigianali, quelli delle assemblate e quelli delle marche minori “che non gonfiano i prezzi”.

Leggi tutto “Kant e la weltanschauung della chitarra vintage”

Gilmour a Pompei e Il disastro della musica in Italia

gilmour a pompei“Mentre sindaci e sovrintendenti di Pompei (che si sta sbriciolando nella loro totale indifferenza) si sbrodolano per Gilmour (confermo: per me è imbolsito, mannaggia sentite come suonava all’epoca d’oro!), la nostra nobilissima storia musicale è abbandonata nelle mani di chi ha come unico progetto il business “adesso qui”, mangiando uova e ammazzando galline, condannando tutto il settore alla fame in un futuro brevissimo. “

Leggi tutto “Gilmour a Pompei e Il disastro della musica in Italia”

Bill Kaman e le chitarre Ovation

Bill KamanOvation: chitarre snobbate dai puristi puzza-al-naso, che le definiscono “di plastica”. In realtà sono strumenti interessantissimi, inventati per pura passione da un uomo che è ha incarnato dell’America migliore: Charlie Kaman. All’avventura Ovation ha partecipato anche il figlio di Charlie, Bill,  una persona che ha sempre saputo restare discreto e cortese, nonostantel’agio in cui è nato e cresciuto. Da appassionato di “chitarre di plastica” è stato un grande piacere intervistare Bill per ACCORDO.IT, la nostra impresa editoriale che da oltre 20 anni è la prima fonte di informazione in lingua italiana su strumenti e musica.

Leggi tutto “Bill Kaman e le chitarre Ovation”

Rodney Crowell – I walk the line (revisited) con Johnny Cash

Rodney Crowell“One morning in the summer of 1956, when Rodney Crowell was not quite six years old, his father rousted him from bed before dawn and hustled him into the back seat of a borrowed 1949 Ford. Three cane fishing poles leaned out the window of the jet-black, white-walled roadster, and with his chin resting on the front seat between his father and grandfather, Rodney could see the twin funnels of the headlights sweeping across a dirt road into the pines of East Texas.”

Leggi tutto “Rodney Crowell – I walk the line (revisited) con Johnny Cash”

Amy Whinehouse – Back To Black

Amy WhinehouseL’anno è il 2011, l’inizio. Il luogo è la showroom di un Guitar Center, lo si capisce dalle meraviglie appese al muro, anche se non si sa quale sede. C’è solo Amy e il suo chitarrista, che costruisce una ritmica jazz su una chitarra classica. Ne esce un  video che mette i brividi.  Il mondo perderà il suo talento e il suo enorme feel pochi mesi dopo, 41 anni dopo aver perso Janis Joplin.

Leggi tutto “Amy Whinehouse – Back To Black”

Bruce Springsteen – Because The Night con Nils Lofgren

because the nightUn video dal concerto di Londra del 2012 in cui si dimostra che Nils Lofgren è un chitarrista immenso, capace di suonare qualunque cosa, ma che nel 99% dei casi sta al suo posto nella E-Street Band e fa la sua parte in tutta modestia. Ma questa volta ha avuto spazio e il suo assolo è stato geniale. Da ascoltare in silenzio e rispetto, a massimo volume.

Leggi tutto “Bruce Springsteen – Because The Night con Nils Lofgren”

Keith Richard e Norah Jones – Love Hurts

love hurtsIl 10 luglio 2004 si tiene il Gram Parsons Tribute Concert all’Universal Amphitheater di Los Angeles, California. L’evento è di quelli che lasciano il segno, a partire dai Sin City All Stars con il leggendario James Burton alla Telecaster e Al Perkins alla Pedal Steel Guitar (entrambi compaiono nei due album di Gram, GP e Grievous Angel). Tra gli ospiti, alcuni grandissimi artisti, tra cui Dwight Yoakam, Steve Earle, Lucinda Williams, John Doe, Jim Lauderdale, Raul Malo, Jay Ferrar, Jim James, Kathleen Edwards. E poi Keith Richards e Norah Jones.

Leggi tutto “Keith Richard e Norah Jones – Love Hurts”

Paul Simon – Sound Of Silence a Ground Zero

Paul Simon nel 2011 a Ground ZeroPaul Simon è forse il più grande musicista non-classico del secolo scorso e The Sound Of Silence è uno dei suoi capolavori immortali,  vero patrimonio dell’umanità. L’ha suonato infinite volte, da solo e con il suo compagno ideale Art Garfunkel, quello è un brano che non ci si stanca mai di ascoltare. Però l’esecuzione più emozionante è forse quella di New York, nel 2011, in occasione del decimo anniversario dell’ 11 Settembre. Superare Paul Simon è un’impresa anche per Paul Simon stesso. Ma  quel giorno, emozionato e intenso come mai lo si era visto, il piccolo grandissimo musicista di New York ci è riuscito a Ground Zero. Da brividi.

Leggi tutto “Paul Simon – Sound Of Silence a Ground Zero”

Cher and Meat Loaf – Dead Ringer For Love

Dead Ringer For LoveNovembre 1981. In Inghilterra esce in singolo un brano dalla storia bizzarra. Scritto da Jim Steinman, Tony Hendra e Sean Kelly e interpretato da Michael Simmons come sigla serial televisivo Delta House, viene poi rielaborato da Steinman  nella melodia e nel testo per diventare la title track del terzo album in studio di Meat Loaf. Al riarrangiamento partecipa anche Cher, che lo canterà con Meat Loaf e sarà anche (splendida) protagonista del clip, destinato a diventare uno dei più gettonati dell’epoca, tanto da essere definito da William Ruhlmann, direttore di Allmusic, un “long-lost outtake from the Grease on steroids”.

Leggi tutto “Cher and Meat Loaf – Dead Ringer For Love”

Johnny Cash at San Quentin – live from Prison

Johnny Cash at San QuentinCarcere di massima sicurezza di San Quintino, California. E’ il  24 febbraio 1969. Sull’onda del successo del precedente concerto a Folsom, Johnny Cash torna a suonare per dei carcerati. Il concerto viene interamente registrato e l’album resta in prima posizione nella Billboard 200 per quattro settimane, riceve  nomination per vari Grammy e si aggiudica quello per la miglior voce maschile country con la canzone A Boy Named Sue.

Leggi tutto “Johnny Cash at San Quentin – live from Prison”

Londra 2012 – Bruce Springsteen – Thunder Road

Bruce Springsteen - Thunder RoadDi Bruce Springsteen si trova online di tutto e di più e Thunder Road è uno dei suoi pezzi più amati, ascoltati e cantati. Capolavoro dell’umanità, è una storia d’amore, di semplicità, di ottimismo che commuove a ogni ascolto. Il Boss è sempre intenso, ma in questo concerto di Londra del 2012 lo è anche di più. Un’un’esecuzione minimalista (la sua voce è accompagnata dal solo Roy Bittan al piano) e proprio per questo più emozionante che mai.

Leggi tutto “Londra 2012 – Bruce Springsteen – Thunder Road”