Presenze inquietanti in TV

Bruno Vespa“Bufera su Vespa e la Rai per la scelta di mandare in onda l’intervista nella trasmissione di Porta a Porta al figlio di Totò Riina, Salvo, in occasione dell’uscita del suo libro. Al termine di una giornata di proteste e polemiche, l’azienda ha confermato il via libera a Bruno Vespa, motivando la propria scelta con il diritto di informazione. Le polemiche avranno una coda istituzionale.”

Leggi tutto “Presenze inquietanti in TV”

La TV consacratrice di intellettuali

amalia signorelli“Come è potuto accadere che una studiosa così periferica anche se bravissima e acuta sia diventata una quasi star televisiva? Quali sono i percorsi che portano alla consacrazione presso il grande pubblico di un’intellettuale, certamente valida, ma del tutto in ombra fino a quel momento?”

Leggi tutto “La TV consacratrice di intellettuali”

Armi più o meno razziste di distrazione di massa

Claudio BorghiSentire una trasmissione politica dopo anni di astinenza è un’esperienza spaventosa e illuminante. La puntata di Piazza Pulita di ieri 1 giugno, dedicata alle regionali 2015 ha confermato che (1) per uno spettatore è impossibile comprendere la realtà da quei battibecchi e (2) che nessuno – con pochissime eccezioni, in genere di personaggi fuori dal cast della politica – va lì per offrire una propria lettura, ma per confondere le carte, sbertucciare l’avversario, raccattare consenso facile a botte di luoghi comuni e strumenti di distrazione di massa e creazione di consenso di basso ventre.

Leggi tutto “Armi più o meno razziste di distrazione di massa”