Harley Davidson LiveWire: avventura sulle due ruote a ben 117,5 km da casa

Come (ex) motociclista i sistemi profilazioni mi prendono di mira per le pubblicità di alcune motociclette. Alcune sono davvero belle (per esempio Ducati, Guzzi, MV Agusta), altre meno, anche se con qualche eccezione (per esempio la Kawasaki Z900 o la BMW R Nine T), altre per nulla. E poi c’è lei, che compare ogni due per tre sulle timeline. Lei, la più grande presa per i fondelli nella storia della motocicletta.

Dunque questo sfizio da € 34.200  (200 in più se vuoi un colore diverso dal nero di base) è in grado di accelerare da 0 a 100 Km/h in tre secondi. Performance sicuramente utilissima per esempio nelle città dove saranno sempre più  diffuse le zone 30 Km/h, che la nostra belva a pile raggiunge sicuramente in pochi decimi di secondo.

Ma ciò che veramente entusiasma di questo prodigio della tecnica è l’autonomia. Il sito Harley Davidson dichiara che a pieno carico la nostra percorre non meno di 150 chilometri che salgono,  quanto si legge su varie brochure, a 215 chilometri in viaggio (immagino senza forzare troppo).

Ecco dunque che il genio che verserà quasi 35mila euro per assicurarsi il privilegio di sfoggiare questo gioiello potrà bardarsi di tutto punto con gilet di pelle e tatuaggi, scendere in garage, accendere il mezzo con un click sul suo smartphone e lanciarsi in una galoppata emozionante. Se sarà milanese potrà spingersi fino a circa 25 chilometri da Modena, dopodiché potrà fare inversione e tornare verso casa, ma pianino, altrimenti gli toccherà fermarsi a Lodi per ricaricare le batterie. In questo caso, se non troverà colonnine rapide di ricarica DCFC, gli occorreranno circa due ore (il sito dichiara 15 chilometri ogni ora di ricarica con livello 1) per accumulare energia sufficiente a raggiungere casa con la sua Harley Davidson LiveWire.

Bello no? E non è tutto! Un altro vantaggio di questo gioiello: se non altro i pirla che montano scaqrichi liberi sulle loro ottuse Harley Davidson per rompere i coglioni al mondo quando passano in corso Magenta non avranno modo di farlo su questo rasoio elettrico troppo cresciuto. Sempre che non arrivi qualche azienda a proporre generatori digitali di casino aftermarket dedicati alla Harley Davidson LiveWire. E pensare che io mi lamentavo della BMW K100 RT. No, grazie, rinuncio all’ennesimo spot che mi propone una prova.