Velocità: lettera aperta al sindaco Sala e all’assessore Granelli

Gentile sindaco Sala, gentile assessore Granelli, ho appena pagato una contravvenzione di 40 euro per aver sforato di 4 km/h (77 anziché 73) il limite sul solito cavalcavia del Ghisallo. L’ho pagata volentieri perché ritengo che la limitazione di velocità in autostrada sia una necessità imprescindibile.

Leggi tutto “Velocità: lettera aperta al sindaco Sala e all’assessore Granelli”

Giuseppina Ghersi e lo sdegno collettivo di chi non verifica i fatti

Naturalmente ti è chiaro (perché ti è chiaro, no?) che se in buona fede  ti sei unito al coro di sdegno per la vicenda della lapide a commemorazione di Giuseppina Ghersi, vuol dire che ti hanno fatt* fess*.

Leggi tutto “Giuseppina Ghersi e lo sdegno collettivo di chi non verifica i fatti”

Idranti sui migranti e foglie di fico nel centro di Roma

Mi indignano gli idranti sui migranti. Nessuno è più solidale di me nei confronti dei poveri scappati dal Terzo Mondo alla ricerca di una vita e sbattuti qua e là come sacchi di immondizia. Ma la reazione dei leoni da tastiera scatenati contro gli eventi di ieri si concentra su un dettaglio anziché sulla complessità degli eventi. E soprattutto perdono di vista i veri responsabili della inaccettabile violenza.

Leggi tutto “Idranti sui migranti e foglie di fico nel centro di Roma”

Esposito e Fiano sono briscole in mano alla destra

Dopo l’intervista di oggi a Repubblica il PD dovrebbe dare un altro mirabile esempio di coerenza con almeno una strigliata a Stefano Esposito, noto estimatore di violenza e repressione a prescindere, del tutto estraneo alla tradizione di un partito che si definisce “democratico”.

Leggi tutto “Esposito e Fiano sono briscole in mano alla destra”

Senza se e senza ma: tornano i LUOGOCOMUNISMI ™

L’elenco originale di LUOGOCOMUNISMI ™ (termine di cui rivendico la paternità online) è stato pubblicato su OneMoreBlog nell’aprile 2007, epoca in cui aggregava alcune decine di migliaia di lettori al giorno. Tra loro e tra i collaboratori amici e conoscenti poi assurti alla gloria di Palazzo.

Leggi tutto “Senza se e senza ma: tornano i LUOGOCOMUNISMI ™”

Mobilità a Milano: non servono tavoli ma volontà di agire

“Ho ricevuto molti messaggi da diversi gruppi di ciclisti milanesi a seguito del presidio in ricordo di Franco Rindone, vittima di un tragico incidente in bicicletta. Leggerò personalmente tutti i suggerimenti. Nel frattempo ho concordato con l’Assessore Marco Granelli di organizzare al più presto un incontro sul tema della sicurezza di chi si muove in bici a Milano.”

Leggi tutto “Mobilità a Milano: non servono tavoli ma volontà di agire”

Un rally a Milano: il sindaco Sala può solo vergognarsi

L’idea balzana di organizzare un rally automobilistico nel centro di Milano poteva venire solo a quelle teste bacate della giunta della Regione Lombardia. Non c’è da stupirsi, considerando faccia, storia e propensioni dei fascioleghisti che governano la regione più ricca d’Italia, gli stessi che hanno illuminato il Pirellone di Milano con l’inno all’intransigenza omofoba e teocratica del Family Day.

Leggi tutto “Un rally a Milano: il sindaco Sala può solo vergognarsi”

Il crucifige di Matteo Renzi e il senso civico

E adesso tutti a prendersela con Matteo Renzi, “trombone”, “accentratore”, “peggior leader” e via lamentando. Da “non-renziano” (non sono mai stato un *iano di chicchessia, neppure quando c’erano Luigi Berlinguer e Sandro Pertini) non riesco a digerire tutta la colpevole e dannosa superficialità di questo sfogo.

Leggi tutto “Il crucifige di Matteo Renzi e il senso civico”

Stalingrado espugnata e la qualità in politica

Sul ballottaggio a Sesto San Giovanni non c’è da fare troppi giri di parole: la responsabilità di una sconfitta storica è di Matteo Renzi, che non ha colto la necessità di una cesura forte col passato. Una sconfitta che era nell’aria, come aveva sottolineato in tempi non sospetti un sestese fine osservatore della politica, Graziano Camanzi.

Leggi tutto “Stalingrado espugnata e la qualità in politica”