Lori Lightfoot: non si combatte il razzismo col razzismo

Ho condiviso con un commento positivo sul mio wall Facebook l’articolo di USA Today in cui si racconta di come la sindaca nera di Chicago, Lori Lightfoot, abbia deciso di rifiutare ai giornalisti bianchi le interviste singole, ammettendoli solo alle conferenze stampa.

La motivazione è questa:

«That isn’t just in City Hall. It’s a shame that in 2021, the City Hall press corps is overwhelmingly White in a city where more than half of the city identifies as Black, Latino, AAPI or Native American.»

Il mio punto era: se una sindaca prende una decisione tanto radicale ed eclatante significa che la situazione è talmente degenerata da richiedere una presa di posizione forte. Il thread è stato commentato da due amici “at large”, Pavel Macek da Praga e Arthur Seery da Portland, in ordine cronologico.

Pavel è intervenuto per primo con una citazione dal discorso “I have a dream” di Martin Luther King:

«I look to a day when people will not be judged by the color of their skin, but by the content of their character», from the great “I have a Dream” speech. In other words, I am not sure that this is the way.

Arthur ha aggiunto vari commenti, tra cui questo che trovo molto significativo.

Our politicians do not “govern” anymore. EVERYTHING that comes out of their mouth is meant for the Media. They are in campaign mode at all times 24/7. Everything is a photo-op or a fund raiser.
Our officials need to just do their JOBS, and stay away from the media.
Unless a person is discussing official business, there is no reason to talk to them. Do your damn jobs. Campaign on your own time. You do NOT have to talk to anyone, get back in your damn office and WORK.

Ci ho riflettuto e ho capito che Pavel e Arthur hanno ragione e io avevo torto: Lori Lightfoot ha fatto una sciocchezza.