Amazon sucks

amazon prime sucksDa assiduo cliente Prime Amazon e utente Kindle, il 9 dicembre ho deciso di farmi “pusher” e regalare due Paperwite per Natale. Consegna 19 dicembre, ampiamente nei termini. Ma stavolta Amazon ha toppato sia sulla consegna, sia – quel che è peggio – sull’assistenza, a un livello tale da farmi decidere di cancellarla dai miei fornitori.

Leggi tutto “Amazon sucks”

Chi è Fra’ Tricidio

Fra' tricidioL’idea mi è venuta un giorno leggendo sul sito Pontifex un articolo in cui un prete ignorante, oscurantista e becero se la prendeva con tutti: gay, drogati, giovani che fanno sesso, lesbiche, persone di sinistra, atei eccetera. La lettura mi ricordò l’insegnante di religione delle medie, tale Ubaldo Paleari, un laico oscurantista frustrato, che aveva sempre un dito adunco puntato verso le sue povere vittime (i miei compagni, non io che ero esonerato). Tra le minacce, il racconto della mano nera che di notte entrò volando nella camera di un ragazzino che aveva fatto la comunione senza confessare un peccato e l’aveva strangolato.

Leggi tutto “Chi è Fra’ Tricidio”

Giardino dei Giusti: si vuole stravolgere l’idea originaria

Rendering Giardino dei Giusti al Monte Stella“Come si evince dalla delibera 2746 del 2014, avevano in mente che si dovesse proseguire sulla linea tracciata: una linea che possiamo chiamare in vario modo: difesa, conservazione, cura. Quel che si sta per attuare risponde invece a ben altri criteri: ristrutturazione, ridefinizione radicale, rifondazione di un luogo. “ [snip] “tra l’idea originaria del Giardino dei Giusti e quella che è stata fatta propria dall’Associazione Gariwo c’è una distanza abissale. Nel primo caso il giardino è protagonista; nel secondo caso si assiste al prevalere di altre esigenze, di altre suggestioni, di altre tentazioni, per cui il giardino diventa un luogo di intrattenimento e insieme un luogo platealmente didascalico: tutte cose che finiscono per mettere in discussione l’idea originaria.”

Leggi tutto “Giardino dei Giusti: si vuole stravolgere l’idea originaria”

Un progetto ingiusto per il Giardino dei Giusti

Rendering Giardino dei Giusti al Monte StellaIl Monte Stella, forse il più bel parco milanese, viene realizzato nell’immediato dopoguerra per ricollocare le macerie dei bombardamenti. Il progetto è di Piero Bottoni, che lo dedica alla moglie Elsa Stella, ospite dei campi nazisti. Dal 2003 il parco diventa anche sede del Giardino dei Giusti di Milano, a ricordo dei non-ebrei che rischiarono la propria vita per salvare quella anche di un solo ebreo dal genocidio nazista tristemente noto come Shoah. Fin qui un’ottima cosa, anche perché il Giardino dei Giusti è un bel luogo, sereno e perfettamente inserito nel contesto del Monte Stella.

Leggi tutto “Un progetto ingiusto per il Giardino dei Giusti”

Street art: Milano non è Lisbona

Street art per anziani a LisbonaNon basta essere volontari: bisogna sapere cosa si sta facendo ed a beneficio di chi. Non capisco come ad un writer facciano le perquise a casa come lo trovano con una bomboletta nello zaino e a ‘sti bellimbusti permettano invece di dipingere in pieno giorno, in barba a tutti i regolamenti municipali in materia di colori, ecc… La motivazione è “siamo volontari” e quindi possiamo, come se un writer la propria arte la producesse contro voglia. Approssimativi e supponenti come non mai, capaci di decidere da soli per il “bene ed il decoro comuni”, imponendo la loro visione monocromatica e totalizzante del panorama urbano.

Leggi tutto “Street art: Milano non è Lisbona”

Totomilano 2016: a che punto siamo

Silvio Berlusconi“Nel 2016 dovremo riconquistare il Comune con un candidato sindaco che sarà la sintesi della nostra storia. Da Milano faremo ripartire anche l’Italia, dove siamo la maggioranza vera e naturale”. Parole dette da Silvio Berlusconi poco dopo la conferma da parte di Giuliano Pisapia che non sarà candidato alle comunali milanesi del 2016.

Leggi tutto “Totomilano 2016: a che punto siamo”

La tessera a scadenza – il lietofine

tessera ricaricamiDopo due ore dall’invio del fax ricevo una telefonata da un numero sconosciuto. Rispondo pronto a rifiutare l’ennesima offerta di un contratto Vodafone e invece è un funzionario del servizio di relazioni col pubblico ATM. Mi spiega che il problema è causato da un cambio di protocolli, si scusa e mi chiede cosa può fare.

Leggi tutto “La tessera a scadenza – il lietofine”

La tessera a scadenza – 1

tessera ricaricamiPer dire: tu che sei un bravo cittadino paghi sempre il biglietto dell’ATM. Per essere certo di poter sempre pagare, tu che sei bravo cittadino tieni non una, ma due tessere ricaricabili nel portafoglio, così se una finisce o se hai un amico senza biglietto usi l’altra.  Sei un bravo cittadino, quindi tieni sempre ben carica la tessera (anche perché spesso le macchinette di ricarica non vanno, oppure non hanno linea bancomato).  Facile? Non proprio.

Leggi tutto “La tessera a scadenza – 1”

Anche Susi sfila a Milano oggi 70 anni fa

Eva Colombo sfila a Milano“Poi ho fatto la partigiana. Facevo la collegatrice in Valtellina e sono stata arrestata,  portata a Sondrio, poi da Sondrio a Como e da Como a San Vittore. Nel frattempo trattavano lo scambio e sono stata scambiata con un ufficiale tedesco che era stato preso  prigioniero nell’Oltrepò Pavese. Ripresi a fare il collegamento tra Milano e l’Oltrepò  Pavese, ma in bicicletta e non più in treno. “

Leggi tutto “Anche Susi sfila a Milano oggi 70 anni fa”