Crash Enjoy: Eni è sinonimo di inefficienza

enjoy downSi parte dal presupposto che costoro (1) dispongano dell’elenco dei loro abbonati, (2) si siano fatti uno straccio di idea di quanti potrebbero aderire al servizio scooter e (3) dispongano di risorse sufficienti ad assoldare sviluppatori e sistemisti con uno straccio di esperienza. Niente di tutto questo.

Leggi tutto “Crash Enjoy: Eni è sinonimo di inefficienza”

Il partito della città e delle spugnette

Lucia Ada De CesarisIl colpo per la ‘Rivoluzione Arancio’ 1.0 è definitivo. Si muovono nelle retrovie Lucia Castellano, ex assessora passata alla Regione, Ambrosoli, Fondazioni, Fondi immobiliari, Banche e molto altro ancora, e non tutti decisi a calare le maschere tanto presto. Il Partito della Città e delle spugnette, del ‘risorgimento ‘ e dell’autonomia ambrosiana c’è anche se non si vede. Comunque in Comune nulla d’ora in poi sarà come prima. Assessori Zombie, delibere fantasma, mentre i dirigenti stanno trovando nuovi padrini/padroni politici sotto le cui ali fare chioccia.

Leggi tutto “Il partito della città e delle spugnette”

De Cesaris lascia la giunta

Ada Lucia De Cesaris“Si tratta di una decisione presa dopo approfondite riflessioni sugli ultimi mesi di lavoro, che hanno messo in evidenza difficoltà non più sormontabili nella prosecuzione della mia attività amministrativa per il venir meno del rapporto di fiducia con una parte della maggioranza in Consiglio comunale”.

Leggi tutto “De Cesaris lascia la giunta”

Roma, Itaglia

Metropolitana di Roma“Tornare a Roma? Mai più. Se potessimo anticiperemmo il rientro in America”. A parlare due turisti americani sulla banchina della metro A di Roma, stazione Barberini, direzione Anagnina, dopo il quarto treno della metropolitana passato in 45 minuti, sempre strapieno. Sì, perché oggi pomeriggio, almeno a partire dalle 17, orario in cui io sono stata testimone oculare, “mancano i treni verso Anagnina”, mi ha spiegato un addetto dell’Atac in stazione.

Leggi tutto “Roma, Itaglia”

Il ritorno di Pisapia: i miei 3 centesimi

PisapiaDal Corriere della Sera: “Su Milano il premier Matteo Renzi punta molto. La posta in gioco è troppo alta. E la città simbolo è appunto il capoluogo lombardo. Tra i possibili candidati c’è Giuseppe Sala, commissario unico di Expo. Ma i vertici del Pd hanno dato mandato ai loro ambasciatori di aprire una trattativa con Giuliano Pisapia per convincerlo a ripresentarsi. Resta lui, secondo i sondaggi, il candidato con più chance”.

Leggi tutto “Il ritorno di Pisapia: i miei 3 centesimi”

L’incapace, Renzi, Travaglio e House of Cards

Enrico LettaNon ho mai nascosto il fastidio per i professionisti della politica, per le loro trame e le loro appropriazioni indebite di denaro e privilegi. E ho sempre considerato utile (benché con riserva) l’attività di sbattere in prima pagina mostri e mostriciattoli di Marco Travaglio col suo Fatto Quotidiano. Ma stavolta s’è fatto un cancan enorme sul nulla, forse con l’obiettivo di togliere consenso a un governo che – la si pensi come si vuole – qualcosa fa, a differenza di gran parte dei governi precedenti, che non facevano nulla se non pagare stipendi a lorsignori.

Leggi tutto “L’incapace, Renzi, Travaglio e House of Cards”

Pierfrancesco Majorino: evitiamo strani esperimenti

Pierfrancesco Majorino«Abbiamo compiuto atti coraggiosi, dobbiamo difendere e valorizzare il lavoro fatto, ma anche aggredire il nostro limite storico: comunicare di più e meglio di quanto abbiamo realizzato. Intendo candidarmi alle primarie del centrosinistra milanese perché voglio candidarmi a Sindaco della nostra straordinaria Milano. Fare le primarie vuol dire che il giorno dopo il candidato è quello che vince e che il giorno prima evitiamo di costruire strani esperimenti con pezzi di ceto politico che magari furono di centrodestra… e non facciamo nessuno strano tentativo di riprodurre a Milano l’alleanza presente in Parlamento».

Leggi tutto “Pierfrancesco Majorino: evitiamo strani esperimenti”

Il risvolto positivo dell’ipotesi #grexit

dimostrazione pro PalestinaLettera a Il Foglio 8.7.2015 p. 4:

Al direttore – Ripensandoci meglio, forse qualcosa di buono può uscire dal “no” greco. Nel dicembre 2013, la Corte dei Conti europea rilasciò un importantissimo rapporto, che non si filò quasi nessuno (e mi sono sempre chiesta perché il M5s non ne facesse un suo cavallo di battaglia). Il succo: dal 1994, l’Unione europea ha fornito assistenza per oltre 5,6 miliardi di euro al popolo palestinese, senza un reale monitoraggio di come venissero impiegati questi soldi.

Leggi tutto “Il risvolto positivo dell’ipotesi #grexit”

Quello che avrei voluto sentire da Renzi