Un monumento a Gariwo, Nissim e Valabrega

Il Giardino dei Giusti secondo Valabrega e GariwoHo ricevuto molte mail a seguito della mia partecipazione (da tastiera) all’opposizione che un gruppo di volenterosi tra cui il verde Enrico Fedrighini sta facendo alla cosidetta  “riqualificazione” del Giardino dei Giusti al Monte Stella di Milano. In tanti scambi di opinioni, quelli con Bruno Dapei – persona che stimo nonostante il totale dissenso politico – portano sempre spunti interessanti.

Leggi tutto “Un monumento a Gariwo, Nissim e Valabrega”

Il parco Indro Montanelli e Ugo Sposetti

ugo sposettiIeri il Consiglio di Zona 1 ha approvato un documento contro lo svolgimento della Festa dell’Unità ai Giardini Montanelli. Come scrive Enrico Fedrighini sul suo wall Facebook “la convivenza tra verde pubblico e manifestazioni di varia natura” e aggiunge che  in quattro anni la giunta Pisapia non è riuscita “a individuare, attraverso il PGT, idonee localizzazioni per funzioni urbane (presenti in ogni città europea) dedicate a concerti e feste, magari riqualificando aree degradate. Ogni intervento – da un nuovo stadio a uno spazio concerti a un centro di culto – sembra figlio del caso (o di trattative fra privati), non di una visione strategica delle funzioni urbane”.

Leggi tutto “Il parco Indro Montanelli e Ugo Sposetti”

Giardino dei Giusti: la giunta non compia un’azione ingiusta

rendering giardino dei giustiEnrico Fedrighini scrive sul suo wall Facebook: “Mi dicono che la Giunta Comunale, questo pomeriggio, approverà il progetto di trasformazione del Giardino dei Giusti nel Parco Monte Stella: un progetto invasivo, per rivedere il quale si sono pubblicamente mobilitate migliaia di persone, illustri esponenti del mondo accademico e della cultura, e si è mossa oltre alla Sovrintendenza anche la Commissione del Paesaggio (incredibilmente esclusa dall’esame del progetto). Sembra che il progetto sia stato rivisto in extremis, per essere approvato dalla Giunta in grande fretta; ma nessuno (tranne Gariwo, cioè l’autore) ne conosce i contenuti finali.”

Leggi tutto “Giardino dei Giusti: la giunta non compia un’azione ingiusta”

Giardino dei Giusti, appello di Gariwo e una domanda

enrico fedrighiniLeggo oggi sul Corriere che l’associazione Gariwo, per controbattere all’ondata di firme da parte di architetti, urbanisti e paesaggisti che chiedono di salvare il Monte Stella e il Giardino dei Giusti dai muraglioni progettati dell’arch. Valabrega, ha scritto un appello in difesa del progetto Valabrega con le firme di eminenti personaggi come Gino Rigoldi, Umberto Veronesi, Andrèe Ruth Shammah, Salvatore Natoli.

Leggi tutto “Giardino dei Giusti, appello di Gariwo e una domanda”

Anche il Monte Stella ha i suoi Giusti che lo difendono

Monte StellaEnrico Fedrighini riassume la vicenda con chiarezza: “Pensare che qualcuno voglia lasciare un segno di sé stravolgendo il paesaggio dell’opera di Bottoni è inaccettabile”. Eppure quanto potrebbe accadere a un’ampia area del parco milanese costruito sulle macerie dei bombardamenti.

Leggi tutto “Anche il Monte Stella ha i suoi Giusti che lo difendono”

Giardino dei Giusti: si vuole stravolgere l’idea originaria

Rendering Giardino dei Giusti al Monte Stella“Come si evince dalla delibera 2746 del 2014, avevano in mente che si dovesse proseguire sulla linea tracciata: una linea che possiamo chiamare in vario modo: difesa, conservazione, cura. Quel che si sta per attuare risponde invece a ben altri criteri: ristrutturazione, ridefinizione radicale, rifondazione di un luogo. “ [snip] “tra l’idea originaria del Giardino dei Giusti e quella che è stata fatta propria dall’Associazione Gariwo c’è una distanza abissale. Nel primo caso il giardino è protagonista; nel secondo caso si assiste al prevalere di altre esigenze, di altre suggestioni, di altre tentazioni, per cui il giardino diventa un luogo di intrattenimento e insieme un luogo platealmente didascalico: tutte cose che finiscono per mettere in discussione l’idea originaria.”

Leggi tutto “Giardino dei Giusti: si vuole stravolgere l’idea originaria”

Un progetto ingiusto per il Giardino dei Giusti

Rendering Giardino dei Giusti al Monte StellaIl Monte Stella, forse il più bel parco milanese, viene realizzato nell’immediato dopoguerra per ricollocare le macerie dei bombardamenti. Il progetto è di Piero Bottoni, che lo dedica alla moglie Elsa Stella, ospite dei campi nazisti. Dal 2003 il parco diventa anche sede del Giardino dei Giusti di Milano, a ricordo dei non-ebrei che rischiarono la propria vita per salvare quella anche di un solo ebreo dal genocidio nazista tristemente noto come Shoah. Fin qui un’ottima cosa, anche perché il Giardino dei Giusti è un bel luogo, sereno e perfettamente inserito nel contesto del Monte Stella.

Leggi tutto “Un progetto ingiusto per il Giardino dei Giusti”