Boycott Great Britain: dopo la Brexit non avrete più i miei soldi

Con lo psicodramma della Brexit, culminato nell’indegna sceneggiata del cialtrone Farage, l’Inghilterra ha dichiarato la propria decadenza civile e politica. Non rispetterò gli inviti che vengono da più parti ad accogliere questo distacco con serenità, per quanto mi riguarda ho deciso la mia reazione nei confronti del popolo che ha votato una scelta così demenziale: Boycott Great Britain. 

Brexit: boycott Great Britain

Da oggi rinuncio definitivamente a visitare l’Inghilterra e all’acquisto di qualunque prodotto inglese, a partire dalle magliette Fred Perry che indosso in esclusiva da quando ero adolescente.  L’elenco dei prodotti bloccati è in costante divenire e aperto ai suggerimenti.

“We Scots will be sad and angry on this Brexit day. But we’ll be independent soon and re-join EU”: farò ovviamente eccezione ove possibile per la Scozia indipendentista ed europeista di Nicola Sturgeon.

Boycott Great Britain

  • abbigliamento Aquascutum
  • abbigliamento Barbour
  • abbigliamento Burberry
  • abbigliamento Fred Perry
  • automobili Jaguar
  • distillati inglesi
  • elettrodomestici Dyson
  • giacche di pelle Matchless
  • motociclette Matchless
  • scarpe Church
  • scarpe Clarks
  • scarpe Dr. Martens
  • scarpe New Balance made in UK
  • senape Colman’s
  • Worchestershire Sauce

Pienamente condivisibile il commento di Martin Fletcher su News Statesman“Instead of seeking to lead Europe and to shape it in our image as a genuinely great country would do, we will be cutting and running. After 47 years of overwhelmingly beneficial – if sometimes fractious – EU membership, we will be turning our backs on loyal friends and allies. We will be undermining a pan-European construct which, for all its faults, has brought peace to the continent after centuries of war. It will be a moment not of pride, but of profound national shame”.

“Brexit, the most pointless, masochistic ambition in our country’s history, is done”. Da leggere anche Ian McEwan sul Guardian.

Un ringraziamento a Maired McGuinnes per aver messo questo ignobile cialtrone al suo posto: «Sit down, put your flags away – you’re leaving – & take them with you – goodbye.»