Gae Aulenti: bambini all’asciutto ma il burocrate è felice

“Il tramonto in piazza Gae Aulenti, tra i grattacieli di Porta Nuova, con i bambini che giocavano tra gli spruzzi della fontana «calpestabile» progettata daFontana  César Pelli. […] Ma a quanto pare queste scene sono destinate a non ripetersi: sabato mattina a bordo della fontana sono apparsi una serie di cartelli con il logo dell’immobiliare «Porta Nuova» e un laconico quanto perentorio avviso: «Divieto di balneazione – Bathing prohibited». Divieto applicato in modo ferreo: i bambini che si soffermavano un po’ di più sono stati rimproverati e allontanati dai vigilantes della proprietà. “

Premessa: la fontana di Pelli è una ciofeca, da quando è stata aperta non si è praticamente mai vista funzionare a dovere, doveva essere sistemata a fine 2014 ma ancora è sempre mezza in secco, nonostante la frequente presenza di operai che trafficano senza successo. Più che una fontana sembra il monumento alla palude. E’ uno dei (pochi) lati deboli di piazza Aulenti, funzionasse sarebbe bellissima, in queste condizioni tanto varrebbe metterci delle aiuole.

Poi, come non bastasse, salta fuori il burocrate all’italiana a peggiorare le cose. Perfino in Gae Aulenti, la piazza più futurista di Milano, c’è un residuato da sottoscala, quello che un tempo scriveva “vietato calpestare le aiuole” e oggi emana il “divieto di balneazione” in due centimetri scarsi d’acqua.  Il moderno Ragionier Fantozzi stampa il suo cartellino e ridacchia, sfregandosi le mezzemaniche, tutto soddisfatto al pensiero dei bambini frignanti e dei genitori che non si capacitano di tanta assurdità. La sua fame di potere frustrata si sazia impedendo gli schizzi.

Che sia un altro fan del decoro?  Difficile saperlo, sulla paternità della bella pensata è in atto uno scaricabarile da avanspettacolo. Una contraddizione via l’altra, con i “vigilantes antibambini” che accusano la Locale e la Locale che dice di non saperne nulla. La regola comunale in sostanza dice “non si potrebbe, ma…”, ma la fontana di piazza Castello satura di turisti a mollo. E in Aulenti i bambini sono allontanati di giorno, ma i nottambuli sono liberi di sguazzare la sera.

Milano, quella che a Rho “nutre il pianeta” e a Porta Nuova emana il “divieto di balneazione” in 1,5 cm d’acqua (quando c’è).

PS: ricordiamo all’anonimo burocrate le cinque leggi fondamentali della stupidità, di Carlo Cipolla:

  • Prima Legge Fondamentale: Sempre e inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione.
  • Seconda Legge Fondamentale: La probabilità che una certa persona sia stupida è indipendente da qualsiasi altra caratteristica della persona stessa.
  • Terza (ed aurea) Legge Fondamentale: Una persona stupida è una persona che causa un danno ad un’altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé od addirittura subendo una perdita.
  • Quarta Legge Fondamentale: Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide. In particolare i non stupidi dimenticano costantemente che in qualsiasi momento e luogo, ed in qualunque circostanza, trattare e/o associarsi con individui stupidi si dimostra infallibilmente un costosissimo errore.
  • Quinta Legge Fondamentale: La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista.
  • Corollario: Lo stupido è più pericoloso del bandito.

PS: la notizia dal Corriere.

Il thread è ricco ed è su Facebook.