Per Forza Italia Milano il disastro ambientale è una vittoria

Non paghi dal continuare a credere che Ruby Rubacuori sia la nipote di Mubarak, i pezzi grossi di Forza Italia Milano esultano per quella che loro definiscono una vittoria contro la giunta di Beppe Sala, colpevole di aver attuato politiche di tutela dell’ambiente.

L’annuncio arriva nello stesso giorno in cui le vittime delle alluvioni in Nord Reno-Vestfalia, Renania-Palatinato, Belgio e Olanda superano quota 125, ma si ipotizza che siano molte di più visto che restano 1.300 dispersi.

Il presidente della Repubblica tedesco Frank-Walter Steinmeier e tante personalità politiche in tutto il mondo chiamano in causa il cambiamento climatico e sottolineano il bisogno di un’economia più attenta all’ambiente: «Solo se prendiamo con decisione in mano la lotta contro i cambiamenti climatici riusciremo a contenere gli eventi estremi come quelli che stiamo vivendo adesso. È una tragedia che così tante persone abbiano perduto la loro vita.»

Ma niente. I forzitalioti di casa nostra sono felici e titolano in tutto maiuscolo “VITTORIA DI FORZA ITALIA!” che avrebbe “bloccato il piano aria-clima di Sala”, in particolare ZTL, ciclabili, piazze tattiche, regole di tutela ambientali per il commercio, riduzione del traffico automobilistico privato.

Sarebbe tutto talmente stupido, ignorante, egoista e miope da non meritare altro che una battuta. Purtroppo il problema vero è un altro: i milanesi che daranno il loro voto a questa ciurma di sgangherati faccendieri. Ancora una volta tocca ammettere che Forza Italia Milano è solo il sintomo di un male grande e profondo nel tessuto sociale e culturale del nostro Paese, quello di cui si nutrono i Berlusconi, come anche le Meloni e i Salvini.

Ne ha parlato anche Paolo Berizzi nella sua rubrica Pietre su Repubblica.

 

PS: il prossimo che dice “green washing” a proposito di Beppe Sala lo mando a quel paese.