Giuseppe Sala e l’altro Rotafixa per Milano

Marco MazzeiA Roma c’è Virginia Raggi che ha messo la ciclabilità in mano a un cicloattivista, Paolo “Rotafixa” Bellino. A Milano dopo Maran (finito all’urbanistica, evidentemente grazie ad ulteriori competenze occulte) arrivano prima Granelli e poi il “controesodo”. Automobilisti ancora abbronzati e già nevrotizzati, fermi in coda o lanciati sui viali al doppio della velocità codice, a fare il pelo a ciclisti o in seconda fila davanti alla gelateria, indifferenti a strisce e precedenze.

Leggi tutto “Giuseppe Sala e l’altro Rotafixa per Milano”

Giuseppe Sala: il gabinetto inteso come cesso

Beppe Sala sul cessoEgregio Giuseppe Sala, immagino (mi auguro) che nel segreto del suo gabinetto (inteso come il cesso di casa, non la stanza di lusso a Palazzo occupata da un bellimbusto a 300mila+ euro/anno di costo per i milanesi) lei abbia ben chiara una situazione che non giustifica alcun ottimismo. Visto che lei è (politicamente) l’amaro calice da bere per non avere una Gelmini assessore alla cultura le dico come può provare ad avere al ballottaggio il voto che le ho negato al primo turno.

Leggi tutto “Giuseppe Sala: il gabinetto inteso come cesso”

Milano 2016: dichiarazione di voto

Alberto Biraghi nel 2015Dopo due turni elettorali di astensione consapevole, ho deciso che i l prossimo 5 giugno voterò a Milano per eleggere il sindaco e il Consiglio comunale. Vista la situazione politica mi avvarrò della possibilità offerta dal meccanismo elettorale di indicare due consiglieri (sesso diverso nella stessa lista) e di dare un voto disgiunto sul candidato sindaco. Ecco cosa farò in cabina elettorale e perché.

Leggi tutto “Milano 2016: dichiarazione di voto”

Giuseppe Sala e la cosiddetta ciclabile della circonvallazione interna

gelmini salvini la russa parisi lupi“La cosiddetta ciclabile della circonvallazione interna – Molino delle Armi eccetera fino a Visconti di Moderone – è una trappola mortale, con le auto che fanno le gare, la corsia che sparisce a ogni incrocio e innumerevoli cafoni che ci parcheggiano sopra. Secondo me è un tema importante. Ci sono due soluzioni: toglierla (se vince Parisi con le sue truppe in SUV nero) oppure trasformarla in una cosa seria.”

Leggi tutto “Giuseppe Sala e la cosiddetta ciclabile della circonvallazione interna”

Sicurezza in strada: servono parole chiare da Giuseppe Sala

Incidente stradale Ieri mattina 30 aprile 2016 nel giro di 10 minuti ci sono stati due incidenti molto gravi in via Marghera e via Washington. Sono alcuni dei punti in cui il traffico automobilistico si svolge costantemente nella totale illegalità sui temi critici della mobilità milanese.

Leggi tutto “Sicurezza in strada: servono parole chiare da Giuseppe Sala”

Un post bacchettone e il Black Bloc

Rozza imbrattaMi rendo conto che il post originale su questa storiella ha un tono parecchio bacchettone. A mia discolpa preciso che è vernice lavabil… OPS!, scusa, ero solo molto indignato. Dunque provo a esprimere meglio il mio pensiero, riportando una risposta data a Marco Pierfranceschi sul thread di Marco Mazzei già segnalato nel post precedente.

Leggi tutto “Un post bacchettone e il Black Bloc”

Non possiamo lasciare MIlano a quelli là, però….

Le primarie a MilanoSul wall Facebook di Marco “marmaz” Mazzei (un esempio di come la “società civile” realmente disinteressata al proprio tornaconto possa possa essere utile alla città) è partito un thread su “primarie sì – primarie no”. Il tema è importante, ma non quanto quello principale, ovvero la necessità civica da parte delle persone di buon senso di impegnarsi a fondo per mantenere Milano lontana dalle grinfie dell’unica destra disponibile in Italia: quella cafona, xenofoba, omofoba, discriminatoria, populista, arraffona. Tra qualche battuta, ho scritto un commento che mi piace salvare qui.

Leggi tutto “Non possiamo lasciare MIlano a quelli là, però….”

Balzani e Sala: due opinioni che fanno riflettere

marco mazzei“È diventata vicesindaco quasi per caso, due mesi fa, scelta da Giuliano Pisapia per riportare pace in una giunta (e in una maggioranza) sull’orlo di una crisi di nervi. Ma adesso per Francesca Balzani c’è chi immagina un altro salto in avanti, questa volta tutt’altro che casuale. È lo stesso sindaco il primo ad aver pensato al suo nome, che però piace anche al Pd e viene visto, da più parti, come quello sul quale potrebbe confluire tutta la coalizione del centrosinistra che si prepara, con molte incertezze e altrettante inquietudini, alla sfida del 2016 per Palazzo Marino”.

Leggi tutto “Balzani e Sala: due opinioni che fanno riflettere”