Keith Richard e Norah Jones – Love Hurts

love hurtsIl 10 luglio 2004 si tiene il Gram Parsons Tribute Concert all’Universal Amphitheater di Los Angeles, California. L’evento è di quelli che lasciano il segno, a partire dai Sin City All Stars con il leggendario James Burton alla Telecaster e Al Perkins alla Pedal Steel Guitar (entrambi compaiono nei due album di Gram, GP e Grievous Angel). Tra gli ospiti, alcuni grandissimi artisti, tra cui Dwight Yoakam, Steve Earle, Lucinda Williams, John Doe, Jim Lauderdale, Raul Malo, Jay Ferrar, Jim James, Kathleen Edwards. E poi Keith Richards e Norah Jones.

Continua a leggere Keith Richard e Norah Jones – Love Hurts

Era ora di fare ordine dopo anni di anarchia a Bologna!

Bologna sgomberiIl (legittimo) sogno di vivere in una città bella, pulita, allegra, sana, senza conflitti, vivace può attivare un meccanismo di distorsione nella percezione della realtà spingendo l’immaginario collettivo a cogliere come ostacoli alla realizzazione del sogno eventi tutto sommato marginali. Nasce così la figura di un nemico responsabile di quegli eventi, che viene quindi percepito come causa della propria infelicità.

Continua a leggere Era ora di fare ordine dopo anni di anarchia a Bologna!

Bologna, i writer, Goebbels e i WuMing

Manifestazione a BolognaIndipendentemente da come la si pensi su writers, squatters, contestatori, e rompiscatole vari, si tratta di riuscire ancora a distinguere i deboli dai forti. Da una parte c’è qualche decina di studenti, dall’altra tutti a dargli addosso. Da una parte i “violenti” che vengono individuati come nemico pubblico per avere fatto zizza con le forze dell’ordine, imbrattato i muri o la porta dell’ufficio di un barone universitario, e dall’altra i mass media, i partiti di governo, gli stessi baroni, i potenti locali. 

Continua a leggere Bologna, i writer, Goebbels e i WuMing

Renzi: mandalo a casa

Angelino AlfanoDomenica vado a San Vittore a visitare Abdelmajid Touil. Si, il terrorista marocchino di Trezzano. Non ci vado prima ché tocca ai magistrati. Perché non se ne può più. Un imbecille non può fare il Ministro dell’Interno. Questo non ne prende una. Ma le strumentalizza tutte. E invariabilmente si spara nei piedi. Ieri mattina era alla Camera dei Deputati a esternar cazzate, sul tema. Renzi, non ti sono amico ma ti do un consiglio: manda a casa ‘sto coglione.

Continua a leggere Renzi: mandalo a casa

Street art: Milano non è Lisbona

Street art per anziani a LisbonaNon basta essere volontari: bisogna sapere cosa si sta facendo ed a beneficio di chi. Non capisco come ad un writer facciano le perquise a casa come lo trovano con una bomboletta nello zaino e a ‘sti bellimbusti permettano invece di dipingere in pieno giorno, in barba a tutti i regolamenti municipali in materia di colori, ecc… La motivazione è “siamo volontari” e quindi possiamo, come se un writer la propria arte la producesse contro voglia. Approssimativi e supponenti come non mai, capaci di decidere da soli per il “bene ed il decoro comuni”, imponendo la loro visione monocromatica e totalizzante del panorama urbano.

Continua a leggere Street art: Milano non è Lisbona

Succede quando ti staccano il pene d’acciaio e cristallo

Roberto Formigoni Al di là degli sberleffi, del fastidio, delle battute, lo scatto di nervi di Roberto Formigoni è anche il motivo per una riflessione sul potere e sui disastri che la politica produce quando consente (come avviene in Italia) una permanenza ai vertici al di là di qualunque buon senso.  Di Roberto Formigoni si sa che ha un rispettabile curriculum di studi (liceo classico, laurea in filosofia, studi di economia politica alla Sorbona): con un governo in cui ci sono ministri senza laurea o corrispondente esperienza lavorativa è un dato positivo.

Continua a leggere Succede quando ti staccano il pene d’acciaio e cristallo

La Alicata non è Formigoni

Cristiana AlicataIeri ho postato su Facebook col commento “sono contento” la notizia che Cristiana Alicata (che non conosco, ma di cui nel tempo ho seguito la storia politica) è entrata nel CdA dell’ANAS. Cristiana è nel PD dalla prima ora, cofondatrice, membro attivo di quel gruppo di giovani raccolti attorno a iMille che una decina di anni fa hanno cominciato a farsi sentire, chiedere, pretendere e che oggi, pian piano, stanno sostituendo la vecchia generazione nelle stanze del potere.

Continua a leggere La Alicata non è Formigoni

Paul Simon – Sound Of Silence a Ground Zero

Paul Simon nel 2011 a Ground ZeroPaul Simon è forse il più grande musicista non-classico del secolo scorso e The Sound Of Silence è uno dei suoi capolavori immortali,  vero patrimonio dell’umanità. L’ha suonato infinite volte, da solo e con il suo compagno ideale Art Garfunkel, quello è un brano che non ci si stanca mai di ascoltare. Però l’esecuzione più emozionante è forse quella di New York, nel 2011, in occasione del decimo anniversario dell’ 11 Settembre. Superare Paul Simon è un’impresa anche per Paul Simon stesso. Ma  quel giorno, emozionato e intenso come mai lo si era visto, il piccolo grandissimo musicista di New York ci è riuscito a Ground Zero. Da brividi.

Continua a leggere Paul Simon – Sound Of Silence a Ground Zero

In bici si muore a Milano

Incidente di un ciclista.In bici si muore, in tutta la regione. L’anno scorso 49 morti, quasi uno alla settimana; nei quattro anni oggetto della ricerca (2010-2013) una strage da 223 morti. E la provincia di Milano guida la classifica, con i suoi 58 morti in nome della «mobilità dolce». É una statistica vasta, ma analizza i casi uno per uno, e racconta perché si muore in bicicletta: e sono d’altronde dinamiche ben note. Si muore perché il camion o l’autobus girano a destra, e schiacciano chi ha la sventura di trovarsi nel famigerato «angolo cieco»; perché una moto brucia uno stop o un rosso; o come Giacomo Scalmani, ucciso da un tram a dodici anni in via Solari per colpa di un’auto che apre le portiere all’improvviso.

Continua a leggere In bici si muore a Milano

Totomilano 2016: a che punto siamo

Silvio Berlusconi“Nel 2016 dovremo riconquistare il Comune con un candidato sindaco che sarà la sintesi della nostra storia. Da Milano faremo ripartire anche l’Italia, dove siamo la maggioranza vera e naturale”. Parole dette da Silvio Berlusconi poco dopo la conferma da parte di Giuliano Pisapia che non sarà candidato alle comunali milanesi del 2016.

Continua a leggere Totomilano 2016: a che punto siamo

Milano città aperta: il libro di Giuliano Pisapia

Milano Città Aperta di Giuliano PisapiaCi ho messo un po’ per decidermi a leggere “Milano città aperta“, il racconto dell’esperienza a Palazzo Marino di Giuliano Pisapia. L’elezione di Giuliano a sindaco di Milano è stata una gran bella giornata, per me e per molti, seguita però dalla delusione all’annuncio della sua squadra di governo. Così ho deciso di cogliere l’occasione del libro per sintetizzare l’evoluzione del mio giudizio sugli eventi che hanno seguito il 30 maggio 2011 di Milano. A qualcuno interessa? Non lo so, comunque mi scuso per la prolissità e la prima persona, non lo farò (quasi) più.

Continua a leggere Milano città aperta: il libro di Giuliano Pisapia

L’insalata veloce feta ceci kamone e tonno

Insalata kamone ceci feta tonnoQuesta è un’insalata veloce da fare, sfiziosa e sana, perfetta coi primi caldi. Non ha una base, ma ingredienti a pari dignità che stanno bene insieme e danno vita a un gusto diverso dalla somma delle parti e secondo me molto appetitoso. E’ pronta in 15 minuti (il tempo di bollire le uova) durante i quali tagli bene il resto. Come sempre conta la qualità degli ingredienti, soprattutto i pomodori, imprescindibilmente kamoni sardi dolci, saporiti, a quel bel punto di rosso verde croccante che spruzza il sugo quando lo mordi.

Continua a leggere L’insalata veloce feta ceci kamone e tonno