Mangiare e bere

Mangiare e bere mi piace quanto cucinare. Però (1) conduco una vita molto attiva, (2) dispongo solo di un piccolo spazio cottura in soggiorno e (3) non mi piace stare tanto ai fornelli (salvo eccezioni). Ho quindi messo a punto un modello culinario basato su piatti semplici, che richiedono un massimo di 15-20 minuti per la preparazione.

Però gli amici con cui condivido la mia tavola in genere apprezzano quello che propongo, quindi ho deciso di condividere le mie ricette più gettonate. A queste aggiungerò la formula dei pochi drink che preparo, recensioni di vini, ristoranti e qualunque altro sia riferito a questo aspetto fondamentale della vita.

Sottolineo che la mia cucina è in costante evoluzione, quindi è possibile che nel tempo le ricette vengano modificate e superate, un esempio su tutti la pasta alla carbonara, costantemente in divenire. Altrettanto dicasi dei commenti sui miei vini preferiti: mi piace assaggiarne di nuovi, quindi capita che il preferito di oggi venga superato domani.

Il guanciale

La sgrassatura del guanciale per carbonara, gricia, amatriciana, eccetera

Pasta alla carbonara, gricia, amatriciana hanno una regola: no alla pancetta, sì al guanciale. Il guanciale è un meraviglioso ingrediente di origine povera, una parte quasi di scarto della macellazione del suino. Nei tempi antichi i contadini vendevano le parti nobili del maiale e trattenevano quelle meno pregiate per sé, sottoponendole al . . .

Continua a leggere

Il Rossini

Il Rossini è una variante al più titolato Bellini. La paternità è incerta, nessuno se la sente di attribuire anche questa bevanda deliziosa al genio di Giuseppe Cipriani. Qualcuno afferma che l’inventore potrebbe essere Arrigo, ma l’interessato non ha mai confermato né smentito. Resta il . . .

Continua a leggere

Penne alle coste novelle

Piatto unico e ci mancherebbe. Per quattro persone servono tre bei mazzi ricchi di costarelle giovani, mezzo chilo di penne rigate Rummo, due etti di guanciale tagliato in due-tre fette spesse, peperoncino, tre-quattro cipolle di Tropea non troppo grandi, due spicchi d’aglio, peperoncino piccante sbriciolato, . . .

Continua a leggere